È MORTO GAETANO FAVAZZA Quando anche a Terrasini fare politica era un’altra storia


Aveva 82 anni. Funzionario regionale, democristiano di sinistra, mattarelliano di ferro prima al fianco del compianto Piersanti, poi del fratello Sergio. Non si vogliono qui mitizzare uomini e storie, ma non vi è dubbio che quelle, nel bene e nel male, e al netto di tutto, fossero altre “storie”. Vicende in cui si confrontavano uomini come Tano Favazza, protagonista fra i protagonisti di una fase politica forse irripetibile (al di là delle specifiche collocazioni).
I funerali –  è confermato –  nel pomeriggio di MERCOLEDì 30, ALLE 15.00, nel Duomo.

Breve biografia di Ino Cardinale, profondo conoscitore delle personalità e delle dinamiche politiche di allora e, a seguire, le testimonianze di Maurizio Palazzolo, Giacomo Greco e Giovanni Ruffino.

Il cordoglio del Sindaco Maniaci a nome dell’Amministrazione civica.

Le più sincere condoglianze alla famiglia dalla Redazione di Terrasini Oggi che in suo omaggio ripropone in calce l‘intervista pubblicata nel 2015 dal nostro giornale in occasione dell’elezione a Presidente della Repubblica di Sergio Mattarella.

favazza

Gaetano Favazza durate una nostra intervista-video di alcuni anni fa (archivio terrasinioggi)

Fu sindaco in due diversi mandati: dal 14 luglio 1975  al 2 settembre 1977 e dal 28 maggio 1979  al 9 luglio 1980. Prima era stato, per diverse consiliature, consigliere ed assessore comunale. Aveva militato nelle file dell’Azione cattolica della Chiesa Madre, in quella fucina formativa creata e vivacizzata dall’indimenticabile Arciprete Lorenzo Bertolino. Ai primi e a metà degli anni ’50 del Secolo scorso, impegnato in ambienti sportivi (a cominciare dal Centro Sportivo Italiano) sia come calciatore, sia come dirigente (giocò pure in squadre di centri vicini: col Partinico Audace e – se non vado errato – col Trapani).
Fu stretto collaboratore dell’allora Presidente della Regione Piersanti Mattarella, alla segreteria dell’on.le Sergio Mattarella, quando questi era parlamentare, e dell’on.le Mommo Giuliana, all”epoca in cui questi era assessore regionale al Lavoro. Fu componente del Consiglio di amministtazione della Usl Villa Sofia
(Ino Cardinale)

tano favazza in consiglio 1984

1984, Aula consiliare: da sinistra Claudio Catalfio, Gaetano Favazza, Giuseppe Salamone, Nino Maniaci e Vittorio Orlando (in quel momento sindaco). (archivio Terrasinioggi)



Oggi  – scrive Giacomo Greco – si è spento un caro amico e un collega di partito tra i più preparati e tenaci. È stato tra i protagonisti della rinascita politica, economica e culturale del nostro paese in un periodo in cui avveniva la sua trasformazione da borgo dedito alla pesca e all’agricoltura a ridente cittadina votata al turismo. Il mio rapporto con lui, maturato in diversi decenni, è stato un rapporto personale e politico di grande intensità che variava dall’amore per il calcio (era presidente della squadra di calcio in cui militavo) all’interesse per la politica che è la strada maestra per una buona amministrazione dei beni comuni. È stato un amico e un maestro. Ciao Tano, sono certo che stai già abbracciando il tuo amico Renzo. Se va bene fammi un cenno. (Giacomo Greco)


 Negli ultimi cinquanta o sessant’anni  – scrive Giovanni Ruffino – , Terrasini ha avuto sindaci del tutto estranei alla comunità (Madonia, Mele, Carrara, Randazzo) e sindaci che, al di là dei loro meriti, esprimevano appieno lo spirito comunitario. Tano Favazza ne fu espressione limpidissima. Al  tempo delle sue sindacature  io  – militante e dirigente del PCI – fui suo avversario politico, ma lo rispettai sempre e gli volli bene. Gli fui amico. E, a volerci ben pensare, fu uno dei tanti democratici cristiani che oggi (oggi!) ricordiamo con rispetto e con sincero rimpianto.

(Giovanni Ruffino)


Ci sono dei momenti nella vita di ognuno di noi  – scrive Maurizio Palazzolo – nei quali trovare le parole per salutare un grande amico, nel suo ultimo viaggio, diventa difficile, spesso il dolore è pari a quello di un familiare. Un amico, soprattutto se accanto a noi da molti anni, diventa come un fratello. Oggi è uno di quei momenti, perché non ci saranno mai parole giuste o sufficienti per ricordare l’uomo, e l’Amico Gaetano Favazza.
In questa mesta circostanza , sarebbero molte le cose che vorrei ricordare , ma dopo mezzo secolo di ininterrotta amicizia, mettere in ordine i tanti progetti comuni sviluppati, in Politica, nello Sport e nel Sociale è cosa ardua. Il suo impegno politico come amministratore della nostra cittadina, inizia fin dagli anni 60, ricoprendo vari ruoli importanti fino alle Sindacature dal 1975 al 1977, e successivamente dal 1979 al 1980.
L’impegno politico a fianco dell’On. Piersanti Mattarella, con il quale ha collaborato, fin dagli anni 70, non lo ha mai distolto dall’interesse per i problemi del Suo Paese, contribuendo alla risoluzione di molti di essi, collaborando con tutti i Sindaci che in quegli anni si sono succeduti. La Democrazia Cristiana partito di maggioranza assoluta a Terrasini negli anni 70 e 80, hanno avuto in Gaetano Favazza, un politico onesto, capace, di grande moderazione e mediazione, contribuendo a sostenerla, in quei difficili annni, alla guida del paese.
Politico, ma anche grande uomo di Sport, si è impegnato perchè Terrasini avesse uno stadio Comunale efficiente, ed una Società Sportiva la “Ten. Titi Consiglio” che nei primi anni fù una società interdisciplinare, favorendo lo sviluppo in quegli anni di altre attività sportive.
Accanto alla politica ed allo sport, nel 1985 decise di interessarsi di politiche sociali, divenendo socio della cooperativa sociale “Pedagogia Sperimentale” in quegli anni impegnata nella gestione di vari progetti nel comprensorio Palermo-Partinico. Encomiabile il suo impegno come Presidente della cooperativa nel decennio 1996-2006, durante il quale sono stati attuati numerosi progetti con enti pubblici, aprendo a tanti giovani nuove
prospettive lavorative, creando nella nostra associazione, un clima di serenità, di stima e di collaborazione, approcciando i vari argomenti ed il rapporto con i soci, sempre con comprensione e generosità, sempre discretamente nella forma, ma efficace nella sostanza.
Caro Gaetano, hai dato molto a questa Cittadina ed ai suoi abitanti, in termini di impegno civico e personale, e i tuoi concittadini ed amici non ti dimenticheranno. Ho avuto il grande privilegio di conoscerti, e rispettarti ed avere collaborato nei vari momenti di impegno Politico, Sportivo e Sociale, ricevendo la Tua stima ed il tuo affetto pienamente contraccambiato.
Anche se m mancheranno i nostri incontri e le lunghe tefefonate, non sarai assente negli anni a venire, nei miei pensieri e in quelli di chi ti hanno conosciuto. Diceva Sant’Agostino, “Coloro che ci hanno lasciati non sono degli assenti, sono solo degli invisibili: tengono i loro occhi pieni di gloria puntati nei nostri pieni di lacrime”.

Un forte abbraccio ad Anna, Francesco, Roberto, Fabio e Carlo.
(Maurizio Palazzolo)


 Scrive fra l’altro il Primo cittadino di Terrasini nella sua nota: «(…) Sindaco di Terrasini per tanti anni, esponente di punta a livello locale, provinciale e regionale della Democrazia Cristiana, Tano Favazza è stato un punto di riferimento per la comunità politica e per la cittadinanza terrasinese».
«Favazza – ricorda il Sindaco – è stato anche giornalista pubblicista e per decenni ha collaborato con il Giornale di Sicilia con il ruolo di corrispondente da Terrasini».

«La notizia della sua scomparsa – conclude il Sindaco  – ci rattrista e ci addolora (…)».


In basso la riproduzione del titolo del servizio pubblicato nel 2015 (cliccare qui per aprire) con intervista a Gaetano Favazza in occasione dell’elezione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

favazza mattarella


 
Commenta su Facebook
One comment on “È MORTO GAETANO FAVAZZA Quando anche a Terrasini fare politica era un’altra storia
  1. Sentite condoglianze alla famiglia Favazza ed all’ amico Carletto per la perdita del caro Tano.Sarai già in compagnia dei tuoi cari amici,tra cui mio papà “Giannuzzo” come lo chiamavi tu.R.I.P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *