TERRASINI. NATALE AMARO PER DUE CONSIGLIERI


Mimmo Di Mercurio decade per sentenza del Tribunale Civile, mentre per Eva Deak sotto l’albero un avviso di garanzia.

campanellaLe belle come le brutte notizie — scrivevamo l’altro giorno a proposito del sottopasso ferroviario —  arrivano sempre quando meno te le aspetti. E purtroppo, questa volta, non sono belle almeno per i diretti interessati, soprattutto, poi, se coincidono con le festività natalizie.

Andiamo con ordine allora.
mimmo di mercurio Il particolare caso che vede al centro il consigliere Girolamo Di Mercurio potrebbe aprire una pericolosa maglia tanto da far tremare i Consigli comunali dell’intera Isola. Esiste una norma, infatti, quasi mai applicata (almeno per quanto se ne sappia), in base alla quale un amministratore pubblico, che abbia debiti con il fisco è incompatibile con qualsiasi carica elettiva sia di sindaco che di consigliere comunale o provinciale.

E così la Corte d’Appello di Palermo Sezione Iª civile, con sentenza del 20 dicembre 2018, confermando la decisione di primo grado, ha dichiarato la incompatibilità alla carica di consigliere comunale Girolamo Di Mercurio.

L’azione giudiziaria (in pratica un ricorso), era stata intrapresa da Giuseppina Mistretta, prima dei non eletti alle elezioni comunali del giugno 2016. Mistretta contestava proprio l’esistenza di debiti tributari a carico di Di Mercurio nei confronti del Comune di Terrasini. Debiti che, in base alla legislazione nazionale e regionale, costituiscono causa di incompatibilità alla carica elettiva pubblica. Si trattava di una esigua somma di 212 euro di addizionale Irpef comunale non pagata e regolarmente ‘contestata’ dal fisco. Da qui la sentenza definitiva della Corte d’Appello.

E così il Comune dovrà formalmente adeguarsi alla decisione del Giudice e disporre la decadenza del Consigliere in carica e la proclamazione della prima dei non eletti.

eva copertinaDel tutto diverso il caso della consigliera Eva Deak da sempre sui banchi dell’opposizione.
Alla Deak, infatti, è stata notificata lo scorso 21 dicembre una informazione di garanzia da parte della Procura della Repubblica di Palermo «per avere – si legge nella comunicazione – con più azioni esecutive (…) offeso la reputazione di Verace Mauro».

Mauro Verace – come molti ricorderanno – era (non sappiamo se lo è ancora oggi) un alto funzionario dell’Assessorato Regionale dell’Energia- Dipartimento Acqua e Rifiuti con l’incarico di presiedere a suo tempo per l’appunto la Conferenza Regionali di servizi che ripetutamente trattò il caso del centro di stoccaggio-compostaggio  della C.F Edil Ambiente prevista in Contrada Paterna.

In quei giorni convulsi dell’estate 2017 rimbalzò a Terrasini la notizia, ripresa da molte testate giornalistiche, degli arresti domiciliari di alcuni funzionari regionali fra cui lo stesso Mauro Verace. La notizia fu citata dalla stessa consigliera Deak in Consiglio comunale (esiste un video di quella seduta) durante un suo lungo e coraggioso intervento che rifaceva la storia della intricata vicenda del centro rifiuti in questione.

Ora nella “informazione di garanzia” alla consigliera Deak si contesterebbe il fatto che, nel corso di quella Seduta consiliare, avrebbe proferito commenti denigratori nei confronti del funzionario in questione.

Intanto l’8 gennaio la consigliera sarà interrogata in Procura assistita da un suo legale di fiducia.


 

 

 

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
copertina sottopasso
SOTTOPASSO FERROVIARIO: PARLA IL SINDACO DI TERRASINI (video)

Nell'articolo di ieri la notizia in anteprima sull'espletamento della gara relativa al tanto agognato sottopasso ferroviario. Oggi la video-intervista curata...

Chiudi