CINISI. BOCCIATI EMENDAMENTI. SFUMANO SOMME PER FASCE DEBOLI


Variazioni di bilancio. Niente da fare per le proposte dell’opposizione. Due diverse visioni del “sociale” si fronteggiano in Aula: bloccato il tentativo di attingere ai fondi destinati ai “carristi” del Carnevale per girarli a disabili, scuole, sicurezza e interventi utili per la comunità. La maggioranza boccia tutti gli emendamenti e fa felice l’assessore allo Spettacolo.


di Franco Cascio


 

salvo biundo

L’assessore al turismo e spettacolo Salvo Biundo

«Grazie al voto della mia maggioranza, che ha bocciato gli emendamenti presentati dall’opposizione sulle variazioni di bilancio, è stato possibile salvare i fondi per i carristi per il Carnevale».
A parlare è un più che soddisfatto Salvo Biundo, assessore allo Spettacolo del Comune di Cinisi.

Soddisfatto perché le somme destinate ai carristi sono al riparo dal tentativo dell’opposizione di destinarli ai disabili e ad altri interventi utili per il paese.

Sia chiaro, il Carnevale di Cinisi, e tutto quello che gli gira intorno, merita il massimo delle attenzioni e dei finanziamenti. Si tratta di un evento che, anno dopo anno, riscuote sempre più successo, che ha ormai poco da invidiare a quelli più blasonati e la fattura dei carri aumenta di livello edizione dopo edizione.

Ma un particolare sembra sfuggire all’assessore, un particolare che  dimostra la mala gestione della sua amministrazione oltre che un’esibizione di cattivo gusto. Quei soldi che andranno ai carristi (che insieme alle già cospicue somme previste per il Carnevale non potranno che permettere un’edizione di assoluto livello), non andranno invece alle fasce più deboli del paese.

Gli emendamenti presentati dall’opposizione riguardavano infatti l’acquisto di un pullman per disabili (15.000 euro) e l’acquisto di attrezzature per disabili (2.000 euro). Un obiettivo, quello del pullman, che l’Amministrazione non è stata in grado di raggiungere e che l’opposizione intendeva realizzare, stornando le somme destinate ai carristi.

manzella

Il Pres. del Cons. Giuseppe Manzella

Tra gli emendamenti bocciati, l’opposizione aveva pensato anche alla manutenzione straordinaria del Centro Zangara (3.000 euro), all’acquisto di attrezzature per l’Asilo Nido (2.000 euro), alla manutenzione straordinaria della Scuola Elementare (5.000 euro), alla manutenzione di immobili comunali (5.000 euro), alla messa in sicurezza del tratto Magaggiari-Molo e all’acquisto di arredo per la zona Pozzillo e C.so Umberto (20.000 euro), alla manutenzione del Cimitero (15.000 euro). «Tutti provvedimenti utili, in qualche caso necessari, per la cittadinanza e, soprattutto, per i meno fortunati — dicono in coro il presidente Giuseppe Manzella e la consigliera Salvina Di Maggio —. Non possiamo che prendere atto della scelta di chi governa il paese, noi e i cittadini di Cinisi».

Certo, le scelte politico-amministrative vanno comunque rispettate, ci mancherebbe. L’amministrazione Palazzolo, attraverso la sua maggioranza in aula, ha ritenuto opportuno garantire le somme per i carri di Carnevale a discapito dei disabili, delle scuole, della sicurezza etc. Ma almeno il buon gusto di non gioire e dichiararsi soddisfatti sarebbe gradito. Almeno quello.


 

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
cinisi
Anche Cinisi ha i suoi rifiuti (pericolosi). E già i veleni arrivano in Consiglio

In Aula si discute l’interrogazione sull’impianto di rifiuti pericolosi che presto sorgerà. Il vice sindaco («sono miei cognati») abbandona l’aula....

Chiudi