OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO: La Presidente della 2ª Commissione alza il tiro su Piazza Duomo e Centro storico


In un precedente servizio (2 maggio) avevamo informato i lettori sulla “diffida” inviata il 2 maggio dal Presidente della 2ª Commissione consiliare al Capo Area Urbanistica per sollecitarlo a inviare al Sindaco il verbale della Commissione del 16 aprile da sottoporre all’approvazione del Consiglio Comunale. Ieri la Presidente della 2ª Commissione Eva Deak, con un duro comunicato pubblicato sulla sua pagina Facebook, torna a puntare il faro sul tavolo del Sindaco Giosuè Maniaci accusato di prendere tempo. Abbiamo raggiunto telefonicamente il Primo Cittadino.

Piazza Duomo dall'alto (Foto Piero Gallina)

Il fatto, in estrema sintesi, è il seguente: in data 5 maggio (cioè due tre giorni dopo l’invio della “diffida”) il verbale era già sul tavolo della Giunta per predisporre la proposta di delibera da sottoporre alla discussione del Consiglio comunale, ma a tutt’oggi – scrive fra l’altro la Presidente della Commissione Eva Deak – «nulla è stato avviato mentre l’estate è alle porte».

 Riproponiamo intanto il testo della diffida già pubblicata nel servizio del 2 maggio scorso per meglio offrire il quadro temporale dei passaggi e, a seguire, la nota di ieri della Consigliera Deak comparsa su Facebook.

“DIFFIDA AD ADEMPIERE” INVIATA IL 2 MAGGIO AL CAPO AREA URBANISTICA ING. FABIO TUTTOLOMONDO.

I sottoscritti Eva Deak, Filippo Tocco, Giuseppe Caponetti e Girolamo Di Mercurio, in qualità di Consiglieri Comunali presso il Comune di Terrasini e componenti della II Commissione Consiliare,

 VISTO
– Che la II Commissione Consiliare ha avuto come prerogativa sin dall’inizio dell’anno la questione della concessione del suolo pubblico nel centro storico di Terrasini ed in particolare all’interno della Piazza Duomo;

– Che riguardo a quanto sopra menzionato si sono svolte ben quattro sedute della Commissione che hanno portato all’elaborazione di proposte di delibera da portare all’attenzione del Consiglio Comunale per la votazione;
– Che i verbali delle sedute svolte sono consultabili sul sito del Comune di Terrasini;
– Che la II Commissione Consiliare ha lavorato chiedendo il rispetto della legge e delle indicazioni della Soprintendenza
CONSIDERATO
L’arrivo imminente dell’estate;

PRESO ATTO
– Che ad oggi NESSUNO degli esercenti sopra menzionati è in possesso di regolare autorizzazione per usufruire del suolo pubblico;

– Che questa situazione non è più tollerabile;
– Che il rispetto della legge è  fondamentale e imprescindibile;
CHIEDONO FORMALMENTE E CON URGENZA
Che il Capoarea preposto al servizio predisponga ed invii IMMEDIATAMENTE E CON URGENZA le proposte di delibera così come da verbale della seduta della II Commissione Consiliare del 16/04/2018 per l’approvazione del Consiglio Comunale.


evaLA NOTA DELLA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE COMPARSA IERI (15/5) SULLA PAGINA PERSONALE FACEBOOK

«Dall’inizio dell’anno – scrive la Presidente della 2ª Commissione Eva Deak – ci siamo occupati continuamente della questione suolo pubblico. Dopo una diffida ad adempiere inviata il 2 maggio e per conoscenza anche al Prefetto, ai Carabinieri ed alla Soprintendenza la proposta di delibera è arrivata sul tavolo del Sindaco venerdì 4 maggio. Dal 4 maggio ad oggi non è stata trasmessa al Consiglio comunale, non ne abbiamo più notizie. Vorrei fare notare, così come abbiamo scritto anche nella nota PEC inviata anche agli organi competenti, che ad oggi NESSUN ESERCIZIO COMMERCIALE menzionato ha regolare autorizzazione per il suolo pubblico nonostante ne usufruiscano. L’estate è alle porte, la situazione è uguale a prima. Il lavoro della commissione ha un costo non infifferente per le casse comunali. Le regole ed i regolamenti non sono un optional, il rispetto della legge è imprescindibile. Mi auguro che non si debba arrivare ad altre azioni da intraprendere per poter vedere applicato il regolamento e rispettata la legge».

La nota si conclude con una stoccata rivolta al Sindaco con un velato riferimento al recente corteo per ricordare Peppino Impastato: «Marciare per la legalità e contro la mafia ha un significato profondo e deve necessariamente avere come seguito anche i fatti e l’esempio!!!».


Non potevamo, a questo punto, non raccogliere nel merito, e su nostra richiesta, una breve dichiarazione del Sindaco Giosuè Maniaci. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente nella stessa giornata di ieri.

maniaci 1«Il problema dell’occupazione del suolo pubblico da parte dei numerosi esercenti – precisa il Sindaco – è al centro della nostra attenzione e non vi è alcuna volontà di trascurarlo, così come lo sono altrettanti numerosi impegni, primo fra tutti il rispetto della legalità».

Alla nostra domanda se considera normale che dal 16 aprile (data della proposta di delibera della Commissione, e dal 4 maggio, data in cui la proposta è pervenuta sul suo tavolo dopo la diffida della Commissione stessa), non ci sia ancora una proposta di delibera predisposta, il Sindaco ha così risposto:

«Voglio rassicurare la Consigliera Deak, e con lei i cittadini direttamente interessati, che se si sta impiegando qualche giorno in più è solo per giungere in Consiglio con una proposta organica che non si limiti soltanto alla Piazza e al Centro storico. Col Comanante della Polizia Urbana si sta effettuando una attenta ricognizione di altre aree coinvolte nel tempo, in modo da chiudere definitivamente – ce lo auguriamo tutti – questo capitolo. Nelle more, poi, che questo avvenga, le attuali occupazioni di suolo pubblico saranno tenute nel debito conto».


Il Sindaco accenna a numerosi altri problemi, che tutti ben conosciamo. L’impegno del Giornale sarà di fare quanto prima il punto con lui non soltanto sulla occupazione del suolo pubblico (Piazza e dintorni), ma su altri come, ad esempio, sottopasso ferroviario, depuratore, PRG …
A presto, dunque.


 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

Leggi articolo precedente:
matrimonio copertina
“Matrimoni in Sicilia fra Ottocento e Novecento”. A “Labirinti Ideali” presentazione del libro di Tersesa Riccobono

Vi è stato un tempo non molto lontano in cui gli sposi si recavano in chiesa rigorosamente a piedi, aprendo...

Chiudi