Baia Di San Cataldo e Depuratore Consortile: Crescono Consenso e Partecipazione Di Cittadini, Associazioni e Amministratori


Il cammino è ancora lungo, ma la tenacia di pochi sta gradualmente riuscendo a catturare l’attenzione e l’impegno di molti. Il vasto territorio, che va dalla Baia di San Cataldo con le sue specifiche criticità, alla linea costiera di Cinisi-Terrasini (alle prese, non da oggi, col depuratore consortile SÌ/consortile NO) raramente aveva registrato un così alto livello di interesse e mobilitazione dal basso. Facciamo oggi il punto sugli appuntamenti dei prossimi giorni riguardanti la Baia di S. Cataldo da una parte e il depuratore dall’altra che, a ben guardare, sono intimamente connessi.

s. cataldo manifestazioneprogetto depuratore 2

 

 

 


Intorno alla Baia di San Cataldo è in atto da mesi un faticosissimo lavorio di impegno, presenza e informazione costanti contro il degrado. Artefici di questa battaglia un drappello di uomini e donne che, fra mille difficoltà, stanno riuscendo a coinvolgere anche le civiche amministrazioni limitrofe (Trappeto, Partinico, Terrasini) in questa azione di recupero di uno dei più smaglianti siti naturalistici della costa occidentale dell’Isola.  Sul sito – come dovrebbe essere ormai a tutti noto – grava la condanna dell’inquinamento con gli scarichi di ogni tipo nel corso d’acqua Puddastri che, a sua volta, sfocia nel Nocella, rendendo il mare circostante non fruibile e maleodorante in molti mesi dell’anno.

Ma attenzione, non si tratta soltanto di una battaglia ambientalista in senso stretto (il che sarebbe già molto). Il suo recupero significa anche mettere in moto un volano turistico-economico di notevole potenzialità. Per fortuna pare che i rappresentanti delle civiche amministrazioni di Terrasini e Trappeto, in cui ricade il sito, comincino a cogliere almeno questo fondamentale aspetto. I sindaci dei due paesi saranno infatti presenti domenica 15 alla festa-raduno ambientalista.

La manifestazione indetta dal Comitato “Una Baia da salvare(apri link) per DOMENICA 15 a iniziare dalle prime ore della mattina crediamo vada esattamente anche in questa direzione. È indispensabile, allora, una grande presenza non soltanto numerica, ma anche di mobilitazione delle coscienze. Forse il 15 sarà l’incipit di un nuovo importante capitolo di questa troppo lunga e tormetata storia.

IL PROGRAMMA DI DOMENICA

Artisti, varie associazioni e commercianti locali hanno dato il loro contributo.
L’artista trappetese Benny Vitale dipingerà sul posto la barca che è stata trasformata dai volontari in una panchina fioriera e sulla quale seduti si potranno ammirare gli splendidi tramonti che la baia offre.
barcaAll’evento parteciperanno anche la Lega Navale – sezione di Trappeto, l’associazione Archeofficina;
spettacolo di contraddanza con l’associazione La Turistica Trappetese, l’associazione Patto per la Salute e l’Ambiente Nino Amato di Partinico, l’associazione Monteleprini 1960.
Il gruppo di rocciatori della Protezione Civile creerà un percorso in sicurezza per poter raggiungere la  spettacolare “cala muletti” che da molti anni risulta difficilmente raggiungibile. Sarà inoltre possibile visitare le due postazioni militari con una guida messa a disposizione grazie all’iniziativa  Open Day – Operazione Fortini Aperti promossa da Palermo Pillbox Finders.

baia


CAPITOLO DEPURATORE CONSORTILE

 interessa i due paesi limitrofi di Cinisi e Terrasini.

Non ritorniamo sulle polemiche che in questi mesi hanno agitato la politica locale. Ma bisogna pur dire che il consenso sta crescendo anche a Cinisi intono all’ipotesi dell’impianto consortile.

Cresce quasi a vista d’occhio dal momento che cominciano a passare le informazioni corrette.
Anche in questo caso uno sparuto gruppo di cittadini e cittadine di entrambi i Comuni si è saputo collegare alle istituzioni, ai suoi rappresentanti al di là delle loro appartenenze politiche poichè si è compreso che l’obiettivo è stringente e nel precipuo interesse delle due comunità.

Si è largamente accresciuto, così, il numero di altri cittadini e libere associazioni che hanno creato una pagina Facebook (cliccare qui per aprire il link); hanno preparato una petizione-appello (“Sette buoni motivi per dire SÌ“) da far firmare nelle principali piazze di entrambi i paesi (alla petizione hanno già aderito decine e decine di cittadini, comitati, movimenti e associazioni oltre ai consiglieri comunali di maggioranza e minoranza di Terrasini (ha firmato anche la Presidente del Consiglio Virginia Ferrigno) e Cinisi (finora i consiglieri di opposizioni e il Presidente del Consiglio Giuseppe Manzella).

INTANTO MARTEDÌ 17 ALLE ORE 15 nell’Aula del Consiglio di Terrasini, su richiesta della II Commissione consiliare, la Presidente del Consiglio ha indetto un incontro fra consiglieri e tecnici (tavolo tecnico) per chiarire ogni aspetto della proposta consortile.

La riunione, come si era appreso in un primo momento, non è aperta al pubblico e qui qualche comprensibile malumore da parte dei portavoce dei vari movimenti, comitati e associazioni che si sarebbero aspettati di essere invitati.

depuratore cinisi


 

 

 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

,
Leggi articolo precedente:
locandina 2
CENTRO STUDI LINGUISTICI SICILIANI: Giornata Di Aggiornamento Per Gli Insegnati Sul Patrimonio Linguistico Regionale

  Il Centro Studi filologici e linguistici siciliani, in collaborazione con il GISCEL-Sicilia e l’ASLI scuola, organizzano una giornata di...

Chiudi