Il Bilancio Di Fine Anno Del Sindaco

 


Il sindaco Giosuè Maniaci incontra la stampa per tracciare un bilancio su quanto fatto nel corso dell’anno che sta per chiudersi. Tante le cose realizzate, con l’obiettivo per il 2018 di realizzarne ancora di più.

sindaco 1

Durante la Conferenza stampa

Opere pubbliche, interventi ordinari e straordinari per strade e scuole, arredo urbano, e poi il tanto discusso sottopassaggio, ma anche l’aumento della raccolta differenziata, il coinvolgimento della società civile, la promozione del turismo e della cultura. Questo e tanto altro ancora è uscito fuori nel corso dell’incontro del sindaco Giosuè Maniaci con la stampa locale per tracciare un bilancio dell’anno che sta per chiudersi.

Un bilancio sicuramente positivo (se si pensa che amministrazioni passate nell’intero mandato hanno fatto meno)  ma che, paradossalmente, non “accontenta” proprio lo stesso Primo cittadino che, insieme alla sua giunta, scommette di raggiungere maggiori risultati nel corso dell’anno che invece sta per arrivare.

Risultati che Maniaci intende raggiungere continuando la strada del coinvolgimento di tutte le forze politiche disposte a offrire il proprio contributo. Non per caso, infatti, il sindaco, in apertura di incontro, ringrazia i consiglieri comunali che hanno approvato il bilancio e quelli che durante il mandato hanno fornito suggerimenti, indicazioni e collaborazione.

conf. 1È quello delle opere pubbliche uno dei capitoli più sostanziosi. A cominciare dal discusso sottopassaggio, quell’opera pubblica che i cittadini di Terrasini aspettano da sempre, e che per la prima volta comincia a concretizzarsi grazie al finanziamento di 1.800.000, annunciato in pompa magna, ma anche oggetto di scontro in aula, fino a condizionare le operazioni di approvazione del bilancio. Esiste il decreto di finanziamento, ribadisce il sindaco, esiste il progetto preliminare, la struttura commissariale ha già predisposto evidenza pubblica per il progetto definitivo. Stessa cifra per la scuola. «I plessi scolastici sono stati sempre al centro della nostra attenzione», ribadisce l’assessore al ramo Maria Grazia Bommarito. E dopo i lavori che hanno interessato la Scuola Media (palestra, impianto di riscaldamento), interventi programmati per la scuola elementare “Don Milani” (palestra, opere di ristrutturazione e manutenzione). Sempre per le scuole del paese, contributi per 8.000 euro e 5.000 per arredi scolastici. Per quanto riguarda gli impianti sportivi, 550.000 euro sono stati sbloccati per il campo sportivo comunale, 29.000 per  la tensostruttura (nuovo telone) e 10.000 per la piscina (teloni isotermici).

L’estate scorsa ha tenuto banco la questione degli scarichi a mare, da lì l’intervento che ha visto interessato il porto con la sistemazione del sistema fognario e del pennello a mare mancante, con una spesa totale di circa 80.000 euro. Ma è il depuratore il vero cruccio e la strada da percorrere continua a essere quella dell’impianto consortile con Cinisi. Un nuovo e importante passo avanti che si è registrato quest’anno è lo studio di fattibilità fatto dal commissario dello stato per la realizzazione del depuratore che coinvolgerebbe i due paesi limitrofi.conf. 3

Sempre in tema di opere pubbliche, importanti interventi hanno interessato il cimitero: dalla realizzazione di 200 loculi, alla toponomastica interna, mentre si registra la presentazione di un progetto di finanza di circa 400.000 euro per la realizzazione di un forno crematorio. Finiti, poi, i disagi nel tratto di via Calarossa (pressi Sea Club), finanziati con 30.000 euro gli ultimi lavori di ampliamento. 19.000 invece sono stati spesi per la pulizia delle caditoie. Inoltre, presentato un progetto di finanza per il recupero delle cave di 7 milioni di euro.

Particolare attenzione merita il capitolo della partecipazione attiva dei cittadini. Tra le altre cose, l’istituzione del collaboratore civico, il baratto amministrativo, la convenzione con i residenti per la realizzazione della rete dell’acquedotto di contrada Femmina Morta e Luparella. La cifra di 12.000 euro del capitolo democrazia partecipata spesa, invece, per l’acquisto del sistema di videosorveglianza nel centro urbano (5.000) e per la realizzazione di un giardino della legalità (7.000).

Nel settore del sociale, poi, interventi per il servizio civico e il lavoro rosa (28.000 euro) e per il servizio civico distrettuale (14.000).

Sulla promozione della Cultura, l’amministrazione Maniaci è quella che negli ultimi anni sembra avere puntato tantissimo. Eventi culturali spalmati durante tutto l’anno, eventi prestigiosi (la mostra di Andy Warhol su tutte), affermazione di rassegne culturali (“Un mare di libri” giunta alla seconda edizione), manifestazioni culturali che hanno coinvolto scuole e categorie. Senza contare l’istituzione del consiglio di Biblioteca (presidente Antonio Catalfio), del consiglio di Archivio Storico (presidente Antonella Consiglio) e del comitato tecnico scientifico del Museo (dove figurano Ambrogio Orlando e il prof. Giovanni Ruffino). Infine, 9.000 euro sono pronti per l’acquisto di arredo e libri per la sezione ragazzi della Biblioteca Comunale.

Così come sembra avere puntato tantissimo sulla promozione del Turismo, a cominciare dall’arredo urbano per poi continuare con alcune installazione artistiche provvisorie (villa comunale, villaggio pescatori, villa a mare, zona portuale) che hanno cambiato in meglio l’immagine del paese, grazie all’impegno dell’assessore al ramo Vincenzo Cusumano che, seppur con le poche risorse a disposizione, è riuscito ad organizzare manifestazioni di richiamo coinvolgendo spesso commercianti e cittadini (ricorrenza del 1° settembre, presepe vivente per fare alcuni esempi).

copertina confCapitolo igiene ambientale, croce e delizia dell’amministrazione comunale. Se da un lato l’assessore al ramo Angelo Cinà si dice soddisfatto per i risultati raggiunti con la raccolta differenziata – dal 55 al 60%  – e per l’imminente aggiudicazione della gara Aro (entro gennaio), dall’altro vorrebbe un maggiore coinvolgimento da parte dei cittadini allo scopo di aumentare la percentuale di differenziata, tenuto conto anche delle condizioni delle discariche ormai sature. Allo studio una campagna di sensibilizzazione porta a porta, coinvolgendo anche parrocchie, scuole, associazioni.

Nel corso del 2017, l’amministrazione Maniaci ha mostrato particolare attenzione per la cura delle casse comunali. A cominciare dal recupero crediti (soprattutto per quel che riguarda il suolo pubblico) e tributi vari (tari, acquedotto, tassa di soggiorno). Parole d’ordine, poi, ridurre la spesa e economia. Per esempio, un nuovo affidamento della telefonia fissa e mobile ha permesso un risparmio di circa 80.000 euro, con l’utilizzo della fibra.

Infine tra gli interventi in corso di realizzazione la carta di identità elettronica con la possibilità di scelta per la dichiarazione di donatore e una convenzione con l’Enel per installare nel centro urbano due colonnine per la ricarica di auto elettriche.

Punto fermo, in generale, per l’amministrazione di Giosuè Maniaci è comunque quello di rilanciare il più possibile l’immagine di Terrasini. In programma la partecipazione alla BIT 2018, la fiera del Turismo di Milano.


 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

2 comments on “Il Bilancio Di Fine Anno Del Sindaco
  1. Ringrazio, insieme a tanti cari amici, il Sindaco per essersi ricordato di mio padre, Salvatore Ventimiglia, unico e vero fondatore del Museo Regionale di Palazzo D’Aumale con lo splendido Museo del Carretto!!!
    Come ormai e’ chiaro i Signori della politica hanno cancellato l’unica persona che, in un’epoca di totale mediocrita’ culturale fece di Terrasini un polo di attrazione per la Cultura e per il turismo!!!
    Bravo!!! Ottimo Sindaco in tutti i sensi tranne che…..

  2. SI PUò PROMETTERE QUELLO CHE SI VUOLE E POI NON MANTENERE NIENTE… TANTO IN QUESTO PAESE LA DEMOCRAZIA è MORTA E TUTTO VA ALLO SFASCIO E NESSUNO PARLA… CHISSà ANCORA PER QUANTI ANNI TERRASINI VEDRà IL PEGGIO… NON CI RESTA CHE PREGARE

Comments are closed.

Leggi articolo precedente:
copertina malura
Carlo Loforti col nuovo romanzo “Malùra” oggi alla Biblioteca Comunale di Terrasini

  Dopo il successo di "Appalermo Appalermo" (2016, Baldini e Castoldi), lo scrittore palermitano Carlo Loforti torna in libreria con...

Chiudi