COMUNICATO STAMPA DI “CINISI SOLIDALE” DOPO GLI SVILUPPI SUI GIOVANI IMMIGRATI TRASFERITI

 


«Apprendiamo dai media che la Procura dei minori, in seguito ad una ispezione che ha riscontrato una serie di irregolarità, ha chiesto di cancellare dall’albo regionale le comunità alloggio “Primavera” e “Madre Carmela Prestigiacomo”, site all’interno dell’ Ipab Opera Pia Collegio di Maria a Cinisi, e di trasferire i minori che vi sono ospitati.

cinisi solidale

«Come Cinisi Solidale, assemblea di associazioni culturali e di volontariato che agiscono nel territorio, ribadiamo la nostra vicinanza e solidarietà verso i soggetti più deboli della società e quindi, nel caso specifico, nei confronti degli ospiti di queste comunità che saranno chiuse. I giovani minori stranieri non accompagnati sono vittime due volte, prima per non aver avuto la giusta accoglienza nel rispetto delle normative di legge ed ora perché, dopo aver cominciato un percorso di integrazione e di inserimento, saranno costretti probabilmente a spostarsi anche da Cinisi, cosa ancor più dolorosa trattandosi di ragazzi che già hanno dovuto lasciare la propria terra d’origine, le proprie famiglie ed affrontare un lungo viaggio.

«Abbiamo avuto modo di conoscere alcuni di questi ragazzi durante la festa U Mani Fest svoltasi il 15 Ottobre. Insieme agli ospiti di altre comunità alloggio del territorio, ad altri cittadini e cittadine italiani ed immigrati, questi giovani si sono fatti protagonisti a Cinisi di un bel momento di incontro, solidarietà e amicizia. Ci proponiamo di seguire la loro situazione e di avere informazioni riguardo alla loro sorte, sperando che non debbano allontanarsi dal territorio di Cinisi dove avevano cominciato da mesi a vivere e costruire il proprio futuro.

«Continua il nostro impegno, ci stiamo attivando come associazioni, ognuna secondo la propria peculiarità, in sostegno delle fasce più deboli, facendo rete e promuovendo un clima culturale di solidarietà, accoglienza e partecipazione, che permetta di costruire una società migliore e a misura umana. Continueremo a lavorare in questo senso, confrontandoci e collaborando in maniera indipendente e apartitica con diverse realtà, tra cui anche le comunità alloggio, che sono una risorsa importante quando svolgono correttamente la loro funzione, ritenendo sia un bene per tutti che, laddove ci siano irregolarità, malfunzionamenti e speculazioni, vengano presi i dovuti provvedimenti sanzionatori. L’interesse principale è infatti che le comunità lavorino bene per garantire la giusta accoglienza ed anche il miglior processo di integrazione e formazione dei giovani immigrati, garanzia affinché vi sia una convivenza positiva e di conseguenza anche un benessere collettivo. Continueremo a impegnarci affinché prevalga non l’interesse di pochi ma il bene comune, uniti contro ogni forma di razzismo, perché riteniamo che con l’incontro, la conoscenza e lo scambio culturale si possa cominciare un percorso comune verso la costruzione di una società libera e migliore per tutti».

GIOVANI MIGRANTI A CINISI


 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

gazzara copertina
LA LETTERA. Scrivono al sindaco perchè intervenga in Contrada Gazzara

  «LA STRADA DI ACCESSO ALLE NOSTRE CASE IN CONTRADA GAZZARA - SCRIVE UN GRUPPO DI CITTADINI - È QUASI...

Chiudi