CINISI, RIFUGIATI: “La Rigenerazione”, il Presidente del Consiglio e il PD prendono posizione in due distinti comunicati

 


1545932_653348491394497_806814219_n

 COMUNICATO STAMPA


Ci scusiamo col Movimento “la Rigenerazione” per non aver pubblicato a tempo debito il presente comunicato emesso alcuni giorni fa quando ancora l’odierna situazione non era esplosa in tutta la sua portata. Si è trattato solo di un problema tecnico (ricordate i pirati informatici?).
La Redazione


 

opera-pia-cinisi

Il sindaco Giangiacomo Palazzolo non perde occasione per fare parlare di sé, per apparire sui media nazionali. Dopo la questione del cambio del nome della via Salvatore Badalamenti (qualcuno sa com’è finita?); dopo aver dichiarato di emettere una taglia nei confronti di un presunto stupratore; dopo la dichiarazione di voler abbattere l’ex casa di Gaetano Badalamenti e la “figuraccia” fatta nei confronti degli alunni di una scuola piemontese e dopo aver attaccato la stampa libera locale per aver raccontato fatti accaduti in estate nel piazzale Magaggiari, oggi si scaglia contro i migranti non accompagnati, cioè minori fuggiti da terre dove oggi esistono conflitti interni, per trovare rifugio, sicurezza e futuro nel nostro Paese.

I fatti di questi giorni parlano di un doppio disagio: il primo inerente al mancato pagamento del pocket money che spetta ai migranti ospitati nella struttura dell’Opera Pia di Cinisi, ovvero di una cifra che oscilla fra € 1.00 ed € 3.50 a testa al giorno e non degli € 45 spiattellati ai quattro venti;
il secondo problema invece direttamente riferito alla mala organizzazione dell’Ente IPBA, che ospita nella stessa struttura una scuola per l’infanzia paritaria ed una casa alloggio per minori rifugiati non accompagnati.

Al di là della nostra più ferma condanna per i fatti dichiarati, poiché il Movimento Civico La RI Generazione è contro qualsiasi atto di violenza, la cosa più grave è che a causa delle sue affermazioni sui social media (vedere foto allegate), il nostro Sindaco sta scatenando una sommossa popolare che potrebbe sfociare in una o più azioni di violenza contro i minori extracomunitari ospitati nelle struttura dell’Opera Pia.

Se l’obiettivo è di chiudere, mandare via o eliminare in un sol colpo e in maniera irrazionale il problema dei migranti, il sindaco di Giangiacomo Palazzolo ha sbagliato metodo, perché la comunità di Cinisi è sempre stata accogliente e da sempre è votata all’integrazione. E i cinisensi sono stati e sono ancora oggi emigranti in varie nazioni nel mondo! Ancora una volta il primo cittadino sta dando un’immagine sbagliata del paese che amministra.

(NdR:  il Movimento ha presentato sempre nei giorni scorsi una interrogazione alla quale il Sindaco dovrà rispondere in Consiglio Comunale)


manzella

Il pres. del Cons. Manzella

IL COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO GIUSEPPE MANZELLA E DEL CIRCOLO DEL PD DI CINISIsimbolo pd


 

LA GENEROSA CINISI E LE SCONCERTANTI ESTERNAZIONI DEL SINDACO PALAZZOLO A PROPOSITO DEI MINORI NEI “CENTRI DI ACCOGLIENZA PER RIFUGIATI”

Nessuno si sognerebbe mai di negare il diritto a chicchessia (e men che meno a un sindaco) di denunciare le eventuali inadeguatezze e storture della legge “Bossi-Fini” sulla immigrazione o sulle eventuali disfunzioni  dei centri di accoglienza per minori come nel caso dei due presenti nella nostra Cittadina.

Ma se il medico sbaglia terapia, l’ammalato ha colpa? Se i Centri di accoglienza difettano, perché prendersela con i rifugiati?
Questo, nella sostanza, il messaggio che è passato in questi giorni: “cacciare i minori rifugiati”

Il Sindaco afferma a parole di non essere per niente “razzista”. Bene, ma è altrettanto vero che le sue esternazioni a ruota libera e a dir poco incaute, che ormai da troppo tempo rimbalzano sulla stampa, hanno finito con l’innescare una spirale di veleni che la nostra generosa Cinisi certamente non merita.

fn palermo

(Foto tratta dalla pagina ufficiale Facebook di Forza Nuova)

Così come non merita l’entrata in “azione” nelle nostre piazze di una sigla “politica” con forti connotazioni razziste e nazifasciste come Forza Nuova (striscioni posizionati nottetempo; lettere di solidarietà e sostegno al sindaco; volantini e quant’altro), che evocano un passato buio e tragico della nostra storia nazionale, europea e mondiale.

Questo movimento, molto impegnato in Italia su questo fronte finisce, in questo clima distorto e avvelenato, col trovare anche a Cinisi, alimento se non addirittura legittimazione nelle parole del Primo cittadino.

Preoccupa non poco questo clima ed era ampiamente prevedibile che l’irresponsabile grattare fra le più irrazionali paure di pochi, finisse con l’innescare ciò che è ormai sotto gli occhi di tutti.

Per questo chiediamo al sindaco Giangiacomo Palazzolo di prendere nettamente e formalmente le distanze dalle inquietanti profferte di “collaborazione” del segretario nazionale del movimento nazifascista Forza Nuova.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Manzella
Il Partito Democratico Circolo di Cinisi

Cinisi, 3 ottobre 2017


 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

,
2 comments on “CINISI, RIFUGIATI: “La Rigenerazione”, il Presidente del Consiglio e il PD prendono posizione in due distinti comunicati
  1. Vorrei chiarire un concetto non chiaro nell’articolo: I “pocket money” o meglio “paghetta” sono dei soldi, da 1 a 3,5 euro die, dati dal centro direttamente all’ospitato; i 45€/giorno/testa invece sono la quota che lo stato tramite il comune stanzia al centro il quale li usa per le varie necessità ivi compresi i pocket money.

    Cinisi è generosa, vero, abbiamo nella nostra storia esempi come i benedettini o le santocanale che chiedevano qualcosa tra i generosi della popolazione e davano ai bisognosi. Oggi invece lo stato non chiede ai generosi ma esige da tutti, quindi non mi sembra un atto di generosità ma piuttosto uno di un altro nostro segno del passato.
    Si facesse come prima, chi è generoso doni, con il ricavato si gestisce quel che si può.

  2. Pingback: Cinisi. Esposti striscioni con frasi su interculturalità, accoglienza e solidarietà, nasce la pagina Facebook "Cinisi Solidale" - Il Tarlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FN3
CINISI NON LO MERITA. QUESTA MATTINA ANCORA. Il sindaco cosa ha da dire?

  Cinisi e i suoi generosi abitanti non meritano questa nuova entrata in “azione” nelle nostre piazze e nelle nostre...

Chiudi