Inizia la corsa del sindaco verso un posto all’ARS

 


Prima uscita ufficiale da candidato all’Ars del sindaco Giosuè Maniaci. Tantissimi i partecipanti ieri pomeriggio per l’inaugurazione della nuova sede. Presenti sostenitori vecchi e nuovi.

copertina sindaco

Un momento dell’intervento del sindaco


di Franco Cascio


Giosuè Maniaci ritrova la sua gente. Il sindaco della gente, appunto, registra una risposta positiva da parte dei terrasinesi in occasione della sua prima uscita ufficiale da candidato all’Assemblea Regionale Siciliana.

In realtà l’appuntamento fissato per il pomeriggio di ieri serviva per inaugurare la sede elettorale di via Vittorio Emanuele Orlando. E invece, vista la inaspettata folta presenza di partecipanti, Giosuè Maniaci – inserito nella lista Arcipelago, voluta da Leoluca Orlando, che alla presidenza della Regione appoggia il candidato del centrosinistra Fabrizio Micari – ne ha approfittato per la presentazione ufficiale della sua candidatura, anche se, come ha anticipato, in agenda sono programmati altri eventi.

C’era quindi la Terrasini che più di un anno fa ha sostenuto fermamente la sua candidatura a primo cittadino, ma anche – per il Sindaco la dimostrazione di avere finora svolto bene il suo mandato – tantissime facce nuove.

sindaco testo 2

All’interno del locale durante la manifestazione

Presente tutta la giunta: Angelo Cinà, ancora una volta nel ruolo di presentatore che ormai svolge con indiscutibile maestria, Maria Grazia Bommarito, Mauro Palazzolo e Vincenzo Cusumano. Presenti i consiglieri di maggioranza: Nunzio Maniaci, Eduardo Cammilleri, Arianna Fiorenza, Rosaria Li Cavoli. Mancava Filippo Tocco, fuori Terrasini per motivi di lavoro. Presente anche il presidente del consiglio comunale Virginia Ferrigno.

«Ho sempre sostenuto che i veri politici sono gli amministratori locali, quelli che affrontano ogni giorno le problematiche del territorio, quelli, insomma, definiti politici di frontiera» ha esordito il vice sindaco Cinà, guadagnandosi una simpatica occhiataccia dal Sottosegretario di Stato alla Salute Davide Faraone, il quale è poi intervenuto per fare il suo personale in bocca al lupo al candidato.

sindaco testo

All’esterno

Giosuè Maniaci, da parte sua, ha invece sottolineato l’esigenza di fare sentire la voce dei territori nel palazzo della Regione, voce troppo spesso rimasta inascoltata. La sua esperienza di amministratore – ha continuato – gli ha fatto capire quanto sia difficile il rapporto tra le diverse istituzioni e quanto sia importante avere all’interno dell’assemblea regionale una figura che possa essere da collettore e che soprattutto sia in grado di restituire alle esigenze degli enti locali l’attenzione che meritano.

Il primo cittadino  – che al di là del risultato continuerà comunque a fare il sindaco, sia perché la legge glielo consente trattandosi di un comune sotto i 15.000 abitanti, sia perché senza tanti giri di parole ha marcato «mi piace fare il sindaco, io amo Terrasini» –  consapevole che la sua corsa a deputato non potrà limitarsi al contributo dei suoi concittadini, ha invitato ieri i partecipanti a coinvolgere più gente possibile dei comuni vicini e della città. Si prospetta una campagna elettorale lunga e difficile, ma partita ieri sotto i migliori auspici. In chiusura anche gli auguri di Carmelo Miceli, segretario provinciale del PD.


 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

copertina pd
IL PD DI CINISI: «I militanti di Forza Nuova restino dove sono». Invito al sindaco a marcare le distanze

  Non è tardata a farsi sentire la voce di dissenso di una parte almeno della società civile e democratica...

Chiudi