STOCCAGGIO RIFIUTI: crescono le adesioni all’appello delle associazioni per mercoledì 13

 


Crescono di giorno in giorno le adesioni di cittadini, gestori di attività produttive e rappresentanti eletti nelle istituzioni locali all’appello diffuso l’altro ieri da associazioni e comitati contro la stazione di stoccaggio-compostaggio che dovrebbe sorgere in Contrada Paterna-Zucco. Frasi ingiuriose rivolte alla consigliera comunale Deak comparsi in un social.

Stoccaggio-4

Esempio di un settore di stoccaggio

Stando alle informazioni in nostro possesso, anche la Presidente del Consiglio Dor.ssa Virginia Ferrigno e un gruppo di consiglieri sia di maggioranza che di minoranza avrebbero preannunciato la loro presenza il 13 settembre a Palermo dinanzi agli Uffici del Dipartimento Acque e Rifiuti della Regione Sicilia di Viale Campania che, dopo due rinvii, deciderà definitivamente sul futuro dell’impianto.

Alla Conferenza di servizio “decisoria” parteciperanno, con diritto di parola ma non di voto, il Sindaco di Terrasini Dr. Giosuè Maniaci, assistito da un tecnico del Comune, il rappresentante legale della Ditta “C.F. Edil Ambiente Srl”  Francesco Cusumano (anch’egli assistito da un proprio tecnico di fiducia) e la Signora Eva Deak consigliera comunale di Terrasini su delega della parlamentare Claudia Mannino.

E mentre mancano pochi giorni alla scadenza del 13 i principali organi di stampa on line della provincia hanno dato e continuano a darne risalto, pubblicando stralci di un nuovo documentato-dossier preparato dalle Associazioni e Movimenti che si oppongono da mesi e di cui anche noi riportiamo di seguito i passi salienti.

Ma prima lasciateci aggiungere di come, assieme alle adesioni, sembra crescere anche il nervosismo di chi non sembra per nulla gradire – visti gli interessi in gioco – il clamore mediatico sollevato dalle univoche posizioni contrarie all’impianto sia delle Associazioni che dell’intera Amministrazione Comunale.
Ci si riferisce ad alcuni commenti (firmati da persona strettamente legata alla ditta) comparsi su un social infarciti di frasi ingiuriose e sottilmente minacciose che – per completezza e dovere di cronaca – non possiamo non riprendere in almeno un paio di passaggi.

Si legge ad esempio: «L’ignoranza, l’invidia e altre forme di regresso mentale trovano dimora nelle vostre menti […] Ma chi rappresentate? Una cerchia di dirottati mentali […]». E in un altro, in modo obliquo, viene presa direttamente di mira (lo era stata nel recente passato) la consigliera Eva Deak “colpevole” di avere semplicemente esercitato il proprio ruolo istituzionale: «[…] Quanto sei bigotta lo sai solo tu […] Ma non ti rendi conto delle menzogne che dici […] Ma ognuno avrà quello che si merita. […] Distinti saluti […] cara Eva».

paterna

(Da Google Earth Pro)

Ma andiamo adesso al nuovo documento delle associazioni e dei comitati cittadini di cui, come detto, diamo di seguito un sintetico resoconto.

Alcuni cenni storici sull’area in cui si vorrebbe far sorgere la stazione dei rifiuti:

[…] Abbandonate le colture agrumicole, specialmente limoni, nel corso degli anni è stato oggetto di colture biologiche di pregio, come quelle dell’Orto di Nonno Nino, vicinissimo al centro rifiuti che si vorrebbe costruire, premiato recentemente come azienda d’eccellenza (“Best in Sicily”) direttamente dalle mani di Oscar Farinetti, soprattutto per le sue meravigliose piantagioni di frutti esotici. E’ un ambiente bellissimo, che ha ancora il fascino dell’antico agro terrasinese, sentori dell’antica tenuta dello Zucco del duca Henry d’Aumale […]

Il popolo e le istituzioni locali:

[…] Il popolo di Terrasini si è schierato in massa contro tale progetto, l’amministrazione, con lettera prot. N. 547/S del 24 Marzo 2017, ma anche pubblicamente più volte, ha rappresentato significative criticità nell’iter procedurale di approvazione dell’impianto in oggetto. Le Istituzioni comunali hanno – a seguito delle nostre continue osservazioni ed a seguito del dossier presentato in consiglio comunale dalla consigliera Eva Deak – con la firma di altri otto consiglieri inizialmente e poi di tutto il Consiglio comunale, la Giunta comunale – compreso, con intelligenza, che il nostro territorio non si presta per tale opera e che la sua realizzazione rappresenterebbe la fine della nostra economia.

[…] Il sindaco di Terrasini ha espresso pubblicamente la sua contrarietà, ben due Consigli comunali, di cui l’ultimo all’unanimità, si sono espressi contro, i funzionari comunali hanno in queste ultime settimane revocato tutti i pareri e procedimenti amministrativi all’origine di tutto l’iter (Revoca dei pareri espressi ai sensi del primo comma dell’art. 21 quinquies della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e s.m.e.i.) rendendo di fatto debolissimo, a nostro avviso del tutto nullo, l’intero iter amministrativo […].

Alcune criticità:

[…] Solo per citare alcune gravi criticità, sempre presenti nonostante le ultime integrazioni, e che basterebbero da sole a dare il diniego: la strada di ingresso è parecchio stretta e non perfettamente percorribile, non ci sono vie di fuga, la strada è chiusa, ci sono persino abitazioni a circa 150 metri e tante entro la fascia dei 1000 metri (fattore escludente, e non l’unico, secondo la normativa di riferimento); la ditta non si è mai occupata di compostaggio e/o stoccaggio rifiuti; a dispetto di quanto dichiarato, nella vecchia discarica di Terrasini (mai bonificata), che si trova accanto al terreno di questo progetto, le fiamme hanno gravemente lambito la zona, negli anni scorsi c’è stato un incendio durato diversi giorni (documentato da una relazione dei vigili del fuoco)” […] Ricordiamo le tantissime osservazioni contro il progetto messe in luce dal deputato nazionale Claudia Mannino insieme alla consigliera comunale di Terrasini Eva Deak (puntualmente confermate anche dalle osservazioni di alcuni enti chiamati a rilasciare i pareri) e la mozione di sospensione cautelare dell’iter chiesta da tutti e 14 i deputati regionali all’Ars con prima firma quella del portavoce all’Assemblea regionale, Giampiero Trizzino”
.[…]
[N.d.R. : si ricorda anche il dossier presentato all’assessorato dal WWF, “Riserva orientata di Capo Rama”].

copertina-paterna

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

copertina pepper
IL “CORTO PEPPER FEST” RITORNA PIÙ VIVO CHE MAI

  Ritorna l’ormai sempre più atteso appuntamento con il cinema. Il Corto Pepper Fest, giunto alla sua VIII edizione, cresce...

Chiudi