MI RICORDO QUELLA SERA DELL’OMICIDIO DALLA CHIESA

 


A Terrasini quella sera del 3 settembre di 35 anni fa c’era la Festa del giornale comunista “l’Unità”, come ogni anno organizzata dalla locale sezione. Vi riproponiamo un personalissimo ricordo di Franco Cascio, allora bambino, quando giunse in Piazza Duomo la sconvolgente notizia della strage di via Isidoro Carini.

generale dalla chiesa

 


di Franco Cascio


 

C’era la Festa de l’Unità a Terrasini quella sera del 3 settembre 1982. La sezione locale del Partito Comunista stavolta aveva speso tutte le energie possibili per far sì che la sua festa riuscisse alla perfezione. C’era da surclassare una Festa dell’Amicizia, quella della Democrazia Cristiana, con il suo inno “L’amico è” di Dario Baldan Bembo che risuonava dappertutto. Le musiche e gli inni del PCI, diciamolo, erano tutta un’altra cosa.

articolo giornale su dalla chiesaLa notizia funesta che gettò tutti nello sconforto me la portò Giuseppe Ruffino. O meglio, la portò a mio padre che aveva appena posteggiato sopra la Villa San Giuseppe. Io ero appena un bambino. Giuseppe arrivò trafelato percorrendo a grandi passi la villa. Da lontano notai il suo viso cadaverico e l’eterno borsello al collo: “Totò -disse con la voce strozzata- hanno ammazzato Carlo Alberto Dalla Chiesa”. Così disse. Carlo Alberto Dalla Chiesa. Non Dalla Chiesa, non il Prefetto di Palermo, non il Generele. Disse Carlo Alberto dalla Chiesa, come fosse un parente, un amico. L’urlo sordo di mio padre e lo schiocco della sua mano sulla fronte li ricordo ancora come se fosse ieri.

Arrivammo in una Piazza Duomo avvolta da un clima surreale. Non c’era più festa. Dalle casse in filodiffusione che qualche ora prima trasmettevano musica, partì il radiogiornale. Le notizie arrivavano con il contagocce. Poi ne arrivò un’altra, tremenda: erano rimasti coinvolti anche la sua compagna, Emanuela Setti Carraro, e il suo agente di scorta.

Qualche tempo dopo Giuseppe Ruffino se ne andò in giro per le classi della scuola elementare in cui insegnava. Il suo impegno civico unito a quello di educatore. Con un vecchio registratore intervistava i bambini delle quarte e delle quinte.

Come è noto, il giorno dopo l’efferato omicidio, in via Isidoro Carini venne affisso un cartello con la scritta: «Qui è morta la speranza dei palermitani onesti».

Giuseppe, citando quella scritta, formulò la stessa domanda a tutti gli alunni. «Secondo te è vero che è morta la speranza?». Tutti, dall’alto della loro innocenza di bambini, rispondevano no , che ancora si poteva sperare. Io invece risposi sì, convinto com’ero che se la mafia era riuscita a colpire così profondamente e intimamente lo Stato, non c’era più niente da sperare.

Oggi non so cosa darei per riascoltare quell’intervista che Giuseppe Ruffino mi fece con un già allora vecchissimo registratore. Era il 1982. 

frase di dalla chiesa


 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

4 comments on “MI RICORDO QUELLA SERA DELL’OMICIDIO DALLA CHIESA
  1. L’imperfezione di un ricordo (che, comunque, non intacca quello generale)!
    Credo che non ci fosse “…da surclassare una Festa dell’Amicizia, quella della Democrazia Cristiana, con il suo inno “L’amico è” di Dario Baldan Bembo che risuonava dappertutto…”; una festa che ancora sarebbe dovuta avvenire (sarà l’unica ed avverrà dopo un anno: 1983, sempre ai primi di settembre).

  2. La prodigiosa memoria dell’amico Ino Cardinale – già a quel tempo apprezzato regista di eventi politici e amministrativi scudocrociati – non è paragonabile a quella di un bimbetto. In ogni caso le Feste de l’Unità – anno prima, anno dopo – surclassavano sempre e ovunque quelle de “L’Amicizia”. Salvo poi perdere, il PCI, puntualmente le elezioni per il governo nazionale.

  3. E’ vero, ha ragione Ino Cardinale, la festa dell’amicizia sarebbe arrivata dodici mesi dopo, e lo ringrazio per avere contribuito a fare ordine tra i miei ricordi di – come dice Giuseppe – “bimbetto”. Così come ha ragione Giuseppe: le feste dell’Unità a Terrasini come altrove non avevano paragoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

inquinamento
La Foto Del Giorno. “MARE INQUINATO” (archivio 2013)

  Foto d'archivio (2013)  

Chiudi