MUSEO REGIONALE D’AUMALE: Ambrogio Orlando Presidente del nuovo Comitato Tecnico Scientifico

 


Su convocazione del Sindaco Giosuè Maniaci, venerdì scorso si è insediato il nuovo Comitato Tecnico Scientifico (CTS) del Museo Regionale Henri D’Aumale di Storia Naturale e Mostra Permanente del Carretto. Eletto all’unanimità, su proposta del Sindaco, il Dott. Ambrogio Orlando, ex amministratore del Comune di Terrasini negli anni Novanta e, soprattutto, cultore fin dall’adolescenza del mondo naturalistico, passione trasmessagli dal padre Vittorio. Il Sindaco: «Sono sicuro che abbiamo intrapreso la strada giusta!». Nostra intervista al neo Presidente.

copertina d'aumale

 


di Vito Cardinale


 

Il nuovo CTS – lo ricordiamo – risulta così composto : Dott. Giosuè Maniaci Sindaco di Terrasini (componente di diritto), Dott. Ferdinando Maurici Direttore del Museo (componente di diritto); Dott.sa Maria Elena Volpes Sovraintendente BB.CC.AA di Palermo (componente di diritto); Dott. Ambrogio Orlando esperto indicato dall’Amministrazione comunale di Terrasini; Dott.sa Marisa Montalto Monella esperta nominata dall’Amm. Regionale; Prof. Giorgio Sabella docente di Zoologia del  Dipartimento di Scienze biologiche geologiche ed ambientali dell’Università di Catania (su nomina dell’Amm. Regionale); Prof. Berardino Palumbo ordinario di discipline Demoetnoantropologiche del Dipartimento di Scienze cognitive, psicologiche, pedagogiche e degli studi culturali dell’Università di Messina (su nomina dell’Amm. Regionale); Prof. Giovanni Ruffino, ordinario in quiescenza di Linguistica italiana dell’Università di Palermo (su nomina dell’Amm. Regionale).

pannello orlando6

Palazzo d’Aumale, sede del Museo regionale

Dopo una dettagliatissima relazione del Direttore del Museo Ferdinando Maurici e gli interventi di tutti i componenti sulle linee progettuali e programmatiche delle attività, il Sindaco Giosuè Maniaci ha proposto il Dott. Ambrogio Orlando come presidente del CTS, che è stato eletto all’unanimità.

«Sono molto soddisfatto – ha dichiarato subito dopo la conclusione della riunione il Sindaco  – per la qualità e la competenza delle persone che compongono il Comitato, per gli argomenti trattati e le proposte discusse per il miglioramento dell’offerta museale. Sono sicuro che abbiamo intrapreso la strada giusta. Il rilancio di Terrasini cammina di pari passo con il rilancio del Museo Regionale d’Aumale e anche questo è uno dei nostri obiettivi principali».

riunione museoIl Dott. Ambrogio Orlando, da parte sua, si è detto onorato per la scelta caduta su di lui a presiedere il CTS del Museo regionale d’Aumale. «Per questo  – ha sottolineato – ringrazio il Sindaco di Terrasini per avermi proposto e tutti i componenti che mi hanno votato all’unanimità. Per prima cosa vorrei sottolineare l’altissimo profilo professionale di tutti i componenti del CTS e il notevole livello della discussione che si è svolta durante questo primo incontro. E altresì non si piò non ricordare il ruolo determinante svolto dall’Assessore Regionale Carlo Vermiglio senza il quale non staremmo oggi qui a programmare il rilancio del Museo regionale che è un vanto per la Sicilia e per Terrasini».

Orlando ha inoltre sottolineato il ruolo portante del Direttore del Museo Ferdinando Maurici: «Lo ringraziamo – ha detto – per la chiarezza e la franchezza con cui ha esposto tutte le problematiche e le criticità esistenti attualmente nel Museo, ma anche le prospettive positive come, per esempio, un progetto definitivo già finanziato di 800 mila euro relativo alla sicurezza dell’immobile (impianti antincendio, elettrico, riscaldamento ecc.) che dovrebbe essere cantierabile nei primi mesi dell’anno prossimo. Il lavoro del CTS – ha aggiunto Orlando – che avrò l’onore di coordinare sarà in assoluta sintonia con l’attuale direttore, condizione necessaria per una fattiva gestione della struttura museale».

PUÒ RIASSUMERCI LE PRINCIPALI LINEE PROGRAMMATICHE EMERSE NEL CORSO DELLA RIUNIONE DI INSEDIAMENTO?

«Volentieri. Inizierei – così come ha evidenziato il Direttore – dalla situazione strutturale e di sicurezza dell’immobile consistente innanzi tutto nel ripristino delle condizioni dignitose quali si addicono ad un grande Museo. Poi, cito a caso, vi è il recupero dell’autonomia gestionale ed economica dopo l’accorpamento con il “Polo Palazzo Riso” di Palermo. Questo aspetto è strettamente connesso alla conservazione del patrimonio naturalistico ed etnoantropologico al fine di evitarne il deterioramento. E ancora la realizzazione di mostre ostensive della sezione Naturalistica (deficitaria all’interno del museo). Inoltre essenziale sarà dar vita a iniziative mirate alla valorizzazione e promozione del Museo attraverso l’inserimento nelle reti network dei musei nazionali e internazionali e contestuale rifacimento del sito internet con la realizzazione delle varie collezioni naturalistiche già informatizzate (vertebrati, entomologica, malacologica) per un totale di 14.000 specie e per circa 300.000 esemplari, di quella archeologica in avanzata fase di informatizzazione e di quella etnoantropologica ancora da informatizzare. E poi protocolli d’intesa con le Università di Palermo, Catania e Messina sia del settore Naturalistico che Umanistico per la realizzazione di progetti di studio e ricerca che coinvolgano gli studenti e gli esperti delle varie materie. Infine – spero di non dimenticare nulla – attuazione ed eventuale perfezionamento della esistente Convenzione Regione-Comune di Terrasini e reperimento di finanziamenti da destinare alla parte progettuale ed ostensiva indispensabili per la vita stessa del Museo».

IMPEGNO GRAVOSO … !

«Sono convinto che nei prossimi cinque anni le linee programmatiche enunciate, non rappresentino un progetto troppo velleitario se ci si ipegna con convinzione e costanza. Spero solo di essere all’altezza del compito che mi è stato assegnato e mi auguro che il rilancio e la promozione di questo Museo possa diventare un volano culturale ed economico per Terrasini e la Sicilia».

E allora tanti auguri di un proficuo impegno e di tangibili risultati a lei e al Comitato Tecnico Scientifico da parte della Redazione di Terrasini Oggi, che non mancherà di seguire le tappe del nuovo cammino intrapreso.

d'aumale


 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

One comment on “MUSEO REGIONALE D’AUMALE: Ambrogio Orlando Presidente del nuovo Comitato Tecnico Scientifico
  1. Nell’augurare ancora buon lavoro nel nome di mio padre, Salvatore Ventimiglia vero e unico fondatore con il Museo del Carretto del Museo Regionale di Palazzo D’Aumale, ricordo al dott. Ambrogio Orlando, novello presidente, che Dio ha trasmesso all’uomo (e solo all’uomo) l’espressione più alta e sublime della Sua intelligenza: la creatività.
    Ed è proprio il dono della creatività che distingue l’uomo (dott. Ambrogio Orlando compreso) dall’animale.
    Pertanto quando lui, in riguardo al Museo, antepone la sezione naturalistica alla sezione etnoantropologica dove sono conservati i Carretti che sono autentiche Opere d’arte di altissimo livello, espressione della creatività di un intero Popolo, il nostro, (oltre, naturalmente, alle altre preziosissime Collezioni storiche e antropologioche contenute nel Museo) egli pone (mi auguro inconsapevolmente) tutta l’umanità (dunque compreso se stesso) al di sotto dell’ultimo organismo vivente del nostro bellissimo Pianeta!
    Questo significa, in parole povere, mortificare, umiliare la nostra Cultura plurimillenaria e, di conseguenza, tendere a far perdere nel tempo, gradualmente, la coscienza di essa e della sua essenziale importanza per la nostra identità di Popolo, unico per se stesso.
    Un Museo deve essere, invece, una pietra miliare, un faro, una guida nell’identità di un Popolo, del suo esistere come Popolo, soprattutto, per il rigoglioso proseguo del suo essere nel mondo.
    A questo serve un Museo.
    Il rispetto totale e assoluto che l’uomo deve a se stesso e al frutto della sua creatività, è fondamentale perchè proprio su questo rispetto si fonda l’altro, altrettanto fondamentale e assoluto, rispetto: quello che l’uomo deve, quale essere superiore, a tutto il Creato.
    Non dimentichi, inoltre, che Palazzo D’Aumale è luogo storico e di lavoro fatto in passato con i Carretti e solo con gli splendidi Carretti Siciliani!
    Sono stata chiara?
    Che Dio guidi il lavoro di voi tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

S. CATALDO 1
SAN CATALDO, TESORO NOSTRO E DI TUTTI

  Legambiente e e altre associazioni ambientaliste ieri pomeriggio, così come preannunciato, si sono date appuntamento nella splendida Baia di...

Chiudi