Materna Rodàri, ci scrivono ancora i genitori. E hanno ragione da vendere!

 


Nuova lettera di protesta inviata al sindaco, al dirigente scolastico del “Don Lorenzo Milani” e al nostro giornale. Sono trascorsi due mesi dalla prima lettera da noi pubblicata in un servizio intitolato “La scuola dimenticata”. Oggi, come se il tempo si fosse fermato, i genitori tornano a denunciare lo stato di grave degrado in cui versa la Scuola Materna Rodàri frequentata dai loro piccoli.

rodari 1

Il cancelletto d’ingresso della Materna “Gianni Rodàri”.

È incredibile che, dopo le promesse dell’assessora Maria Grazia Bommarito di due mesi orsono e di qualche giorno fa, non si sia fatto nulla per rimediare a quanto denunciato dai genitori. Anzi, la situazione è peggiorata. L’unico provvedimento assunto, quello del Dirigente scolastico che ha loro vietato di oltrepassare il cancello per consegnare o prelevare i loro figli. Molto problematica l’interpretazione di un simile provvedimento (se ancora in vigore) sopraggiunto – fra l’altro – all’indomani esatto dalla pubblicazione della prima lettera accompagnata da alcune emblematiche foto. I genitori adesso, oltre a tutto il resto, segnalano anche alcune disfunzioni nei prodotti della mensa, genuini sicuramente, ma non altrettanto freschi a loro dire.
(GiuRu)

LA LETTERA

«È proprio vero quello che si dice … “lontano dagli occhi, lontano dal cuore”! E così succede ancora una volta per il plesso Rodari, già noto per la trascuratezza e l’abbandono.

«A metà marzo è uscito un articolo su “Terrasini Oggi” che raccoglieva la protesta-denuncia di alcuni genitori sopratutto riguardo le condizioni della struttura della scuola e delle aree esterne. Ancora oggi, a distanza di circa due mesi, non si è visto nessun addetto del comune che venisse a “bonificare” tutte le pertinenze dell’edificio, almeno dalle erbacce.

lettera genitori«Stamattina, alla richiesta di spiegazioni in merito, l’area comunale di competenza sosteneva che le squadre del verde pubblico erano impegnate per le vie del paese in vista della “maratonina” di domenica 7 Maggio.

«Questa la risposta dopo due mesi di attesa, per un lavoro di mezza giornata, vi sembra plausibile? W la maratona ma riteniamo che la scuola venga prima di tutto!

«Come se ciò non bastasse, adesso si presenta la questione degli alimenti che vengono somministrati ai bambini. La frutta, a loro dire “biologica”, è in realtà marcia o comunque in cattive condizioni: il che solleva un grosso dubbio sulla qualità di tutto il servizio mensa. La frutta l’abbiamo vista più volte perché se i bambini non la consumano a scuola, la portano a casa. Del resto di ciò che i nostri figli mangiano non ci è dato sapere.

«Il mese scorso sono state applicate delle regole molto rigide sugli orari di ingresso e sulla presenza delle mamme all’interno della scuola per garantire, così hanno detto, “la sicurezza dei bambini”.

banana 2«E sulla sicurezza alimentare dei nostri figli chi vigila? Noi genitori non siamo interessati a fare politica, né comprendiamo le posizioni di chi fa di ogni lamentela o richiesta di spiegazioni un fatto personale: a noi interessa solo il benessere dei bambini.

«Per questo chiediamo con forza a chi di dovere di attivarsi. Ora è il momento di cambiare registro! Altrimenti ci vedremo costretti a segnalare le questioni agli organi di competenza, senza attendere più nessun fantomatico “finanziamento” di cui sentiamo parlare già da anni».

Terrasini lì 03/05/2017
Distinti saluti da un gruppo di genitori       
(seguono 12 firme)

 


 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

,
Leggi articolo precedente:
copertina maratona
“MARATONINA CITTÀ DI TERRASINI”. Sembra incredibile, ma è così: siamo alla 17ª edizione. Domenica 7 maggio in Piazza Duomo

Grande attesa per la XVII Edizione della corsa podistica su strada di 20 km, valida come seconda  prova del campionato...

Chiudi