FESTA DI LI SCHIETTI UNICA AL MONDO. DOMENICA 16 APRILE SI RINNOVA L’ANTICO RITO

 


 Sull’origine e sulla simbologia della Festa, che si svolge ogni anno a Terrasini in coincidenza con la Pasqua cristiana, non tutti concordano. Sono del tutto assenti, infatti, documenti storici diretti o indiretti che, in qualche modo, possano attestarne l’origine e la matrice. Varie le ipotesi che si rincorrono da tempo.
Il programma.

comitato schietti

La composizione dell’odierno Comitato organizzatore della Festa (un tempo denominato in dialetto “ddibbutaziuoni”)

Un aspetto però è qui il caso di evidenziare: la Festa (che qualcuno preferisce definire rito) non inizia e si esaurisce con la semplice “isata” (alzata) dell’albero alla zzita (fidanzata) la domenica di Pasqua. Il complesso del rituale include, infatti, altri momenti altrettanto signaficativi che precedono la domenica pasquale, ma che spesso vengono dai più considerati secondari e, invece, sono particolarmente importanti quanto se non più – dal punto di vista simbolico – dell’alzata vera e propria dedicata alla fidanzata (non solo). Si citano qui alcuni di questi momenti che precedono la domenica di Pasqua: a) il numero dei componenti del comitato organizzatore (la ddibbutaziuoni); b) il taglio del melangolo (arànciu àiru); c) il sacrificio del “crasto” (ariete, un tempo agnello); d) l’addobbo dell’albero con tutti i suoi elementi simbolici.

pulcino con l'alberoQuesto complesso simbolico-rituale nulla ha a che fare con le gare delle “alzate” che si svolgono nel pomeriggio della domenica, o quelle dei bambini (“pulcini”) nei giorni precedenti. Tuttavia, questi innesti innovativi sul corpo originale del rito, se da una parte hanno sottratto molto alle antiche suggestioni (era invitabile sotto l’incalzare del tempo), dall’altra hanno probabilmente consentito alla Festa di sopravvivere fino ai giorni nostri. L’importante, nel nostro attuale contesto storico, è non far perdere di vista, soprattutto ai giovani, le origini e i procesi che hanno condotto all’oggi. In questo senso, forse – a detta di alcuni osservatori -, quello dei “pulcini” potrebbe essere un buon espediente per perpetuare la festa nelle sue varie forme.

Intanto deve far pensare che né il Pitré né il Salomone Marino ne abbiano mai minimamnete accennato nelle loro vaste ricerche e produzioni. Il riferimento più antico (anni Cinquanta del Sec. scorso) consiste in una breve citazione contenuta nel libro del terrasinese Mons. Francesco Paolo Evola intitolato “Storia delle origini della Chiesa Maria SS. delle Grazie”. Prima di lui il silenzio e il buio più assoluti.

antico stemma

Il bozzetto originale realizzato dall’artista Prof. Giovanni Ventimiglia molti anni fa.

Tuttavia, forse proprio questa indeterminatezza ha alimentato nel tempo varie ipotesi, pur se pochi sono stati coloro iscritto e pubblicare le loro teorie. Il primo ad aver tentato di fornire in modo ordinato e compiuto una possibile chiave interpretativa delle origini della Festa, è stato il compianto Salvatore Cascio, il primo direttore della Biblioteca comunale di Terrasini. Secondo Cascio (una sua indagine riflessione fu inserita nell’Antologia di AA.VV. a cura di Giuseppe Casarrubea intitolata “Quotidiano e immaginario in Sicilia. Burgisi, santi e poveri diavoli nel Partinicese” (Palermo, Vittorietti, 1984), il rito si inserirebbe nel grande alveo delle ritualità pagane connesse al ciclo delle stagioni, facendone risalire l’origine intorno al 1860.

Nel 2012, inoltre, ha visto la luce la pubblicazione del libro di Faro Lo Piccolo intitolato “All’ombra dell’Albero più bello”  con stesura di Giuseppe Ruffino e alcuni approfondimenti di Graziella Moceri). Una nuova teoria, questa, secondo cui il rito sarebbe di origine ebraica, databile intorno alla fine dell’800. Lo Piccolo, segunedo il filo di una sua personale ricerca, parte da un antico casale denominato “Giudeo” a Balestrate.

(Le pubblicazioni citate possono essere consultate o chieste in prestito presso la Biblioteca comunale di Terrasini).


IL PROGRAMMA 2017

 

programma festa schietti


 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

,
Leggi articolo precedente:
abluzione-2
L’ULTIMA CENA RIVIVE DA TRE SECOLI NELLA CHIESA DEGLI AGONIZZANTI (video)

  Rivive da tre secoli quasi immutabile, con le sue regole, i suoi tempi e i suoi spazi, l’ultima Cena...

Chiudi