TERRASINI ELEGGE IL BABY-SINDACO

 


Simpatica e interessante iniziativa dell’amministrazione comunale che ha coinvolto le scuole di Terrasini. Sabato prossimo il baby consiglio comunale eleggerà il suo sindaco che avrà il compito di interagire con i “grandi”. Il consigliere del PD Arianna Fiorenza: «Trasmettiamo ai ragazzi il senso profondo della politica». 

baby-sindaco-testo

(foto tratta dalla rete)

Sabato 17 dicembre Terrasini eleggerà il nuovo sindaco. Non è uno scherzo. Un nuovo primo cittadino sarà veramente eletto, solo che si tratta del baby-sindaco, uno studente delle scuole di Terrasini che per un anno indosserà la mini fascia tricolore grazie all’iniziativa dell’amministrazione comunale e promossa dall’assessore alla Pubblica Istruzione Maria Grazia Bommarito (con la collaborazione dell’assessore Carla Garamella) e dal consigliere comunale del Partito Democratico Arianna Fiorenza. «Si tratta di un modo per fare conoscere da vicino le istituzioni a quella che un giorno magari si ritroverà a essere la classe dirigente di Terrasini», dice a Terrasini Oggi il consigliere del PD.

Sindaco che sarà eletto da un baby consiglio comunale (come si faceva con i “grandi” prima della legge sull’elezione diretta del sindaco) uscito fuori dalle elezioni che si sono tenute nei plessi scolastici Istituto Don Milani, Istituto Padre Cataldo e Istituto Comprensivo Giovanni XXIII.

Il baby consiglio comunale di Terrasini è un progetto che coinvolge i bambini delle classi quinte elementari e delle classi della scuola media inferiore. Dopo aver compilato le liste (una per ogni classe), si è svolta la campagna elettorale con veri e propri “comizi” in ciascun plesso scolastico. Nei giorni 12 e 13 dicembre poi si sono svolte le elezioni. L’hanno spuntata tredici bambini (8 femminucce e 5 maschietti, alla faccia delle quote rosa). Il regolamento è stato elaborato dal consigliere Fiorenza e approvato all’unanimità in consiglio comunale.

Baby sindaco e baby consiglieri avranno il compito di interagire con sindaco e consiglieri veri, attraverso proposte, mozioni, chiarimenti all’amministrazione su un determinato problema, progetti per la scuola e per il territorio in cui vivono. Nel corso della “campagna elettorale”, per esempio, alcuni candidati hanno puntato sulla raccolta differenziata, alcuni in particolare sulla possibilità di realizzare piccoli contenitori da porre non solo a scuola ma in tutto il paese, mentre altri hanno trattato temi più a loro vicini come quello del bullismo.

«In questo periodo storico – continua il consigliere Fiorenza – in cui l’antipolitica ha preso il sopravvento, in cui sembra che andare “contro” qualcuno sia “fare politica”, ritengo che occorra piuttosto trasmettere ai ragazzi il senso più profondo della politica stessa, cioè fare politica “per” qualcosa, per il proprio paese, per i propri compagni e anche per se stessi, per una migliore crescita individuale».

Infine una curiosità: tra i candidati alla carica di baby sindaco anche i rispettivi figli degli ultimi due sindaci di Terrasini, Massimo Cucinella e Giosuè Maniaci.

aula consiglio per testo

L’appuntamento con l’elezione del baby sindaco è per
SABATO 17 dicembre ore 17.00 Aula consiliare


Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

,
Leggi articolo precedente:
copertina-chirco
LA “SAPIENZA DELLA MANO”: la Cinisi del passato riaffiora nella mostra fotografica di Paolo Chirco

  RITENIAMO CHE LA INTERESSANTISSIMA (diremmo splendida) MOSTRA DI PAOLO CHIRCO MERITI DI ESSERE VISITATA ANCHE E NON SOLO PER...

Chiudi