LA “DIFFERENZIATA” DI NONNA PINA


Pungolin interno

 

Figli di “madre ignoranza”? Ma quando mai! Semmai è il mondo che va troppo in fretta e il popolo resta indietro. La signora Pina, terrasinese da generazioni, non in sintonia col contorto universo di sigle, leggi, ordinanze sindacali, tecnologia e parole sempre più incomprensibili, ci dà lezioni di vita. I risultati alla fine si ottengono, rispettando semplici regole antiche come il mondo.

 

di Satiride

 

Luglio 2016

Alla signora Pina si è rotto il frigorifero. Apriti cielo! «Cu stu cauru si squagghianu tutti cosi!». La situazione prevede un nuovo acquisto per il quale chiede aiuto al nipote Antonio: «Si m’accumpagni nni Pranu …».

 «Nonna, ma da quanto non compri un elettrodomestico?! Censoplano avi ca nchiuìu!».

Per la Signora Pina è un colpo al cuore: prova tanta pena per la ricotta fuori dal frigo quanto per le sorti di “Pranu”: «Eh, ddu purieddu, comu s’arridducìu!».

 «Nonna tranquilla “ddu purieddu” è plurilaureato. Adesso, se lo incontri per strada, dovrai chiamarlo Dottor Censoplano!».

 «Muoooorta sugnu! Ma veru rici?! Allura nun ci vaiu cchiù nni Consiglio pi i ricetti … Pranu a mmia mi rispittava sempri, mi cci livava sempri quocchi cusuzza … Sicuru ca mi runa puru i miricini p’a prissiuoni senza fàrimi iri a la farmacia!».

 «No … nonna … Vabbè’ lasciamo perdere, poi te lo spiego. Intanto di pomeriggio vado io a Carini e ti prendo un frigorifero discreto al centro commerciale. Non puoi mettere tempo … ti vanno tutte cose a male!».

 «A Carini!? Puru u ràzziu a paari! Nenti ri menu … Accura, a nonna!!!».

Il pomeriggio il nipote torna con un bel frigorifero, piccolo ma confortevole, e la signora Pina si toglie il pensiero. «Ora pigghi chistu ruttu e u va ghiecchi nna la munnizza .

 «Ma stai scherzando?! Non ce n’è più cassonetti … nonna! Ora c’è il C.C.R. È lì che si portano gli “ingombranti”. Ma facciamo una cosa, chiamiamo gli operatori addetti al servizio, che te lo vengono a prelevare».

«Ah nun viennu cchiù i spazzini? Cu su chisti?!».

Antonio, dopo disquisizioni il più possibile semplificate sulla gestione ATO dei servizi di raccolta, fa una telefonata e informa la nonna che l’indomani mattina verranno delle persone a ritirarlo.

refrigerator-37099_960_720 - CopiaLa signora Pina, sveglia dalle sei, col frigorifero davanti la porta, la moka sui fornelli e i viscotta cu u ciminu sul tavolo, è pronta ad accogliere i baldi giovani che, di lì a poco, le toglieranno quell’ingombro dalla cucina.

Alle nove si presentano all’appuntamento due stanchi operai già provati dalle poche ore trascorse a incassare lamentele, insulti e proteste di mezzo paese. Ma non sanno ancora che il surreale è tutto dietro la porta di casa della signora Pina.

«Signora buongiorno! Che dobbiamo ritirare, allora? Il frigorifero? Bene! Mi favorisce cortesemente la ricevuta di avvenuto pagamento della TARI?».

Pina, incredula, li squadra dall’alto in basso, si guarda attorno e, visibilmente confusa, ammette di non capire di cosa stiano parlando.

I due comprendono da subito che la situazione andrà per le lunghe e, mentre la moka gorgoglia sul fuoco, accettano i biscottini e spiegano alla Signora Pina come stanno le cose:
«Signora mia … la TARI è la tassa sui rifiuti …».

 «Aaaaahhhhh! A munnizza! E picchì vuliti a bbbulletta?».

 «È per l’emendamento della Deak», spiegano i due.

 «Ancuora tassi mettinu??? Chista DEAC ch’è nova???», si riscalda Pina.

 «No gentile signora, la Deak non è una tassa, è una consigliera comunale che ha presentato un emendamento secondo il quale …».

A quel punto il terzo operatore tornato dal giro di routine di raccolta … (oggi umido), sente il collega intento a elargire dettagliate lezioni di scienze politiche: dal concetto di emendamento alla suprema funzione del consiglio comunale, dai danni degli inceneritori al ruolo del cittadino nella società e, avendo capito il motivo del “dibattito”, interviene.

 «Gnuranti! A liggi ri cincu stelle mancu a ficiru passari! Abbasta ca iddu si senti allittratu … cu sì Pertini?! U ricu sempri io: ammàtula ci metti i ruoti ri umma, sempri carrettu è! Carricamu stu casciabbancu, ca scurau!».

Tutti sbigottiti i protagonisti della vicenda. Il frigorifero viene messo sul furgone e la signora Pina rimane sull’uscio a meditare sul bla bla bla dell’operaio.

Antonio, l’affettuoso nipote, va a trovarla per la solita visita pomeridiana e per accertarsi dell’avvenuto ritiro del pezzo d’antiquariato.

 «Sì, s’u ppigghiaru  ‒ risponde nonna Pina ‒  ma ci fu un teatrinu! Io chi sapìa ca ora i spazzini hannu tutta sta littra! Accuminciau unu ri chisti  ‒ cu nn’autru a latu ‒  a parrari di cuosi ca mancu ti li sacciu cuntari … Ca stu sinnacu ora sta canciannu na pocu ri cosi … ca è unu braaavuuu … Mi rissiru puru ca a la Villa ri San Ciuseppi rùnanu cannuola! Cannuola ruossi … bbieddi … ca i cristiani viennu puru di autri paisi pi faricci i fotografii …».

L’equivoco non subito viene colto da Antonio che, riflettendo un attimo, capisce: «Il cannolo nonna … cioè il rubinetto è un’istallazione artistica fatta da poco … chi capisti?!». Il nipote sta per andarsene quando lo sguardo gli cade sul secchio dei rifiuti organici …

«Nonna, c’era “umido” oggi, perché non lo dicevi ai netturbini!».

 «Umitu?! A mmia mi pari ca c’è sciroccu…» risponde prontamente nonna Pina.

Antonio pazientemente spiega che “l’umido” non è altro che l’”organico”… le cose da mangiare rimaste, insomma!  «Nonna, ma tu come la fai sta differenziata?!».

E nonna Pina gli sventaglia un elenco dettagliato della sua gestione-rifiuti: «I scuorci ci li rugnu ai porci; si m’arresta n’anticchia di pasta, la rugnu a li addini; a carta di lu pani a usu pi assuppari l’ogghiu quannu friu li milinciani; u mussu mi lu stuiu cu u fazzulettu di robba; piatta di ceramica e bicchieri di vitru; i buttigghi e i buatti di vitru li lavu e li sarvu pi fari u sucu nt’austu; na vota a lu misi assummu un sacchitieddu cu i cosi ca nun mi servinu e cci lu rugnu a chiddi di la munnizza».

Antonio ha quasi un mancamento: coglie nelle poche parole della nonna pagine e pagine di consigli su come differenziare. «Nonna! Tu sei troppo avanti!».

 «A mmia mi pari ca siti vuautri troppu nnarreri! Stanca sugnu a cummattiri cu tutti sti riscursi … forsi m’acchianau troppu a prissioni … Talè Anto’, chiama a Pranu!».


 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

One comment on “LA “DIFFERENZIATA” DI NONNA PINA
  1. Bellaaaaa….troppo simpatica questa storiella,un ritorno al passato in una sorta di metafora.Complimenti mi avete fatto ridere ricordandomi un pezzo di passato che fu,dove la semplicità regnava in un contesto di vita senza dubbio più vivibile.Buona giornata.

Comments are closed.

Leggi articolo precedente:
copertina fontana
I NEMICI DELLA “CUNTINTIZZA”

La Villa San Giuseppe e la fontana-rubinetto. Un luogo che era ormai diventato simbolo del degrado tornato alla luce grazie...

Chiudi