A Scuola Adesso Arriva l'”Animatore Digitale”

 

dolce

Il Prof. Massimo Dolce


Massimo Dolce, direttore didattico oggi in pensione, che per diversi anni ha guidato il Circolo didattico “Don Lorenzo Milani”, rimasto affettivamente legato a Terrasini, ha ripetutamente insistito anche dalle pagine del nostro giornale (si vedano gli articoli pubblicati in “Spazio Scuola”) sulla “Scuola digitale”, una innovazione da lui e da altri ricercatori considerata ormai indifferibile.
Oggi i fatti sembrano dargli ragione soprattutto dopo che dal Ministero dell’Istruzione giungono segnali di piena conferma.

 

di Massimo Dolce

 

 

IL MIUR HA FINALMENTE EMANATO IL DECRETO PER L’ATTUAZIONE DELLA SCUOLA DIGITALE. SI TRATTA DEL P.N.S.D. DI SEGUITO INDICATO DAL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE: (cliccare QUI  per il tresto originale e completo).

evoluzione-uomo-computer

Debuttano nelle scuole italiane gli animatori digitali, docenti particolarmente votati all’innovazione che dovranno guidare i processi di attuazione del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) nei loro istituti. Il Ministero dell’Istruzione ha inviato la nota con cui viene chiesto alle scuole di nominare i loro esperti entro il prossimo 10 dicembre.

L’animatore digitale dovrà essere un docente di ruolo con spiccate capacità organizzative, che avrà il compito di seguire, per il prossimo triennio, il processo di digitalizzazione della scuola di appartenenza per formare la comunità scolastica sui temi del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD).

Inoltre l’animatore avrà il compito specifico di individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili (ambienti di apprendimento integrati, biblioteche multimediali, ammodernamento di siti internet, etc.) e a lavorare per la diffusione di una cultura digitale condivisa tra tutti i protagonisti del mondo dell’istruzione, stimolando soprattutto la partecipazione e la creatività degli studenti.

 

 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

Leggi articolo precedente:
copertina paolo
AMMINISTRATIVE 2016. Intervista a Paolo Pagano, il “Grande Vecchio” della politica terrasinese -video-

  «È prematuro fare pronostici». Con queste semplici parole Paolo Pagano inizia l'intervista al nostro giornale. Come dargli torto? Lui,...

Chiudi