TERRASINI, ARIA PESANTE!

?????????????L’opposizione consiliare preannuncia la richiesta di un consiglio comunale urgente: antenna di telefonia mobile, piscina comunale e parco giochi gli argomenti “caldi” da trattare. Sul bonus socio-sanitario è guerra Maniaci-Censoplano. Pioggia di solidarietà dopo il raid vandalico all’oratorio, mentre a Città del Mare la situazione si complica e i lavoratori tornano sul piede di guerra.

L’opposizione affila le armi e preannuncia la richiesta di un consiglio comunale straordinario e urgente per discutere su alcuni punti che hanno seduta 2tenuto banco in questi ultimi giorni. A cominciare dalla vicenda dell’antenna di telefonia mobile nei pressi di via Partinico. La scelta di porre all’attenzione del consesso civico la questione antenna deriva –scrivono i consiglieri di opposizione– «dalla crescente preoccupazione di diversi cittadini residenti nella zona, circa la possibile installazione di una antenna di telefonia mobile in zona vietata dal regolamento comunale in vigore ed ad una distanza dalle abitazioni inferiore ai limiti di legge».

Altra situazione “calda” quella della piscina comunale «chiusa -fanno sapere dall’amministrazione- fino a nuove disposizioni per lavori di manutenzione e ripristino degli impianti». Come è ormai noto, la chiusura della struttura è stata decisa dopo la caduta di alcuni calcinacci di gesso nei locali degli spogliatoi.

Parco_GiochiMotivi di sicurezza stanno pure alla base della chiusura del parco giochi comunale di Villa a Mare. Sulla vicenda si è già registrato l’intervento dell’Assemblea Regionale Siciliana, attraverso il parlamentare del M5S Giorgio Ciaccio, che ha scritto al Sindaco Massimo Cucinella chiedendo «chiarimenti sulla motivazione della chiusura del parco e sui tempi previsti per la sua riapertura».

I consiglieri comunali di opposizione di Terrasini, invece, in merito alle questioni piscina e parco giochi, fanno sapere che gli interventi di manutenzione straordinaria alle due strutture, che oggi ne hanno causato la chiusura, erano già «stati individuati –si legge nella nota- lo scorso anno con la presentazione di ben due emendamenti (presentati dall’opposizione, ndr) in sede di approvazione del Bilancio di Previsione 2014, finalizzati proprio a manutenzioni straordinarie degli stessi beni, che sono stati bocciati dalla maggioranza consiliare e che avevano ricevuto il parere negativo dell’ufficio tecnico comunale».

Intanto si registra la polemica a distanza tra il consigliere comunale del PD Nunzio Maniaci e il vice sindaco Fabio Censoplano con delega ai Servizi Sociali. Motivo del contendere il mancato pagamento del buono socio-sanitario alle famiglie che assistono anziani non autosufficienti e disabili gravi. Il consigliere piddino accusa l’assessore di “gestione fallimentare” e ne chiede le immediate dimissioni. foto 104 2

Dal canto suo, Censoplano giustifica il ritardo sull’ erogazione del bonus con una “temporanea mancanza di liquidità”. Il botta e risposta però non si ferma e continua con il consigliere di opposizione che ricorda al vice sindaco che «però la liquidità per pagare il suo compenso ogni mese c’è» e con l’assessore Censoplano che ribadisce che «nonostante i tagli di spesa adoperati dall’amministrazione a causa della crisi e della riduzione dei trasferimenti statali e regionali, i fondi sono sempre stati assicurati».

Continuano nel frattempo a piovere attestati di solidarietà dopo il raid vandalico all’oratorio San Giovanni Bosco. Lo scorso fine settimana ignoti sono entrati nella struttura di via Bertolino danneggiando i locali e rubando anche i fili di rame dell’impianto elettrico dell’immobile. Con una nota, il Partito Democratico di Terrasini, condannando fortemente l’atto vandalico ed esprimendo la solidarietà al parroco don Renzo Cannella e ai ragazzi dell’Azione cattolica di Terrasini, auspica un maggiore controllo da parte delle autorità competenti per evitare in futuro il ripetersi di gesti analoghi.

COPERTINA CITTAE per finire la situazione sempre più grave che si è presentata fin da questa mattina ai lavoratori stagionali di Città del Mare i quali fanno sapere che la direzione del villaggio questa mattina ha contattato una ditta esterna per le pulizie. La reazione delle maestranze non si è fatta attendere e già da domani mattina saranno tutti dinanzi ai cancelli per dar vita ad una vibrata protesta affiancati dai sindacati.
L’Amministrazione comunale intanto continua a tacere.

 

 

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

Leggi articolo precedente:
VIA BADALAMENTI
VIA SALVATORE BADALAMENTI, PARTIGIANO

Nella grande epopea della Resistenza italiana compare un cerchietto. Al suo interno c’è scritto “Cinisi”. E poi un altro, concentrico,...

Chiudi