“GRATTATO” IL MANIFESTO

manifesto

HA “VINTO” IL BUON SENSO!

Nel tardo pomeriggio di ieri (lunedì 19) è stata meticolosamente “grattata”, dagli addetti della nota agenzia di pubblicità palermitana, la gigantografia della pornostar che tante lamentele aveva sollevato nei giorni scorsi, essendo stata collocata proprio dirimpetto alla Scuola media “Giovanni XIII” di Terrasini.

Noi ce ne eravamo occupati per primi con un servizio che poneva il caso all’attenzione delle autorità cittadine le quali hanno agito com’era giusto che fosse.

Ma un paio di giorni dopo il nostro articolo, Antonio Catalfio, sul “Vespro”, puntava il riflettore su un altro casoMINZIONE 2, sotto certi aspetti più stridente del primo, essendo stato collocato a pochi centimetri dalla Croce dei Missionari Passionisti all’ingresso del paese (un atto di pura superficialità, come il primo del resto!). Riproduceva disegni umani di ambo i sessi, completamente nudi, intenti a far pipì in water d’avanguardia.

Qualcuno ha commentato: ma con tutti i problemi che abbiamo a Terrasini, non avete altro a cui pensare?!

Il rilievo sembrerebbe serio, ma, a ben riflettere, non lo è per nulla.
Se i fatti (più o meno importanti) accadono, non è certo per volontà del giornale, che li registra, li commenta e li evidenzia. Nel campo dell’informazione non esistono aspetti marginali, ma “d’insieme” i quali, nel caso nostro, concorrono a definire concretamente l’immagine (gradevolezza/sgradevolezza) di un luogo; tanti piccoli dettagli (ad es. i cespugli che crescevano lungo i bordi in quella stessa strada d’ingresso), concorrono ad esaltare o a deprimere l’immagine di un qualsiasi luogo. È l’uomo che controlla questo meccanismo in modo più o meno cosciente (è un fatto culturale!).

Il silenzio, la pulizia, la cura del verde, il mare pulito, il traffico ordinato, l’assenza di giovani in auto con gli amplificatori esplosivi e perfino -lasciatecelo dire- l’opportuno posizionamento di determinati manifesti pubblicitari possono essere più o meno marginali se considerati singolarmente; ma messi in fila indicano l’indice di gradevolezza di un qualsiasi centro (alcuni amici di Brescia questa estate ci avevano fatto notare il “vespasiano” accanto alla Croce, ma il nostro occhio si era talmente assuefatto da non riuscire a “vederlo”).

Un buon livello di “ingresso/accoglienza”, determinato anche dai dettagli, fa crescere il numero di visitatori e turisti; i turisti vanno negli alberghi e nei ristoranti; gli alberghi e i ristoranti assumono personale; la disoccupazione diminuisce, il denaro circola, i commercianti vendono … E così dai dettagli siamo giunti ai problemi importanti.

Ecco, anche i dettagli possono fare la differenza.

La Redazione

Commenta su Facebook

LEGGI ANCHE

3 comments on ““GRATTATO” IL MANIFESTO
  1. Nemo profeta in patria… ?

    I due episodi accaduti in questi giorni, cioè gli atti incendiari e il manifesto “show hard” affisso
    davanti alla scuola, sebbene non abbiano nulla in comune , in verità hanno un fil rouge che li lega.
    L’amministrazione comunale non prende sufficientemente sul serio le denunce dei propri concittadini.
    Ha necessità ,forse, di un evento eclatante per prendere coscienza della situazione. Così viene indetto un consiglio straordinario per l’ordine pubblico, mentre per far togliere il manifesto show hard affisso davanti alla scuola, bisogna aspettare l’articolo di denuncia su Repubblica (evidentemente non era sufficiente quello scritto su un giornale locale on line).

    Si è fatto un consiglio comunale straordinario per l’ordine pubblico nel quale sia il Sindaco che i vari consiglieri si sono alternati nel condannare l’atto e solidarizzare con i Carabinieri di Terrasini, scoprendo guarda caso che forse c’è un problema di ordine pubblico a Terrasini e proprio nella Villa S. Giuseppe, vicino a P.zza Duomo

    Il Comune di Terrasini, nella persona del Sindaco, è stato messo al corrente già da qualche anno (2010), della situazione di degrado e di inciviltà in cui si trova il Paese. Noi abbiamo denunciato per iscritto, ed in ultimo anche verbalmente, al Sindaco di Terrasini in carica, quanto avviene sotto gli occhi di tutti giornalmente, e che costituisce motivo di preoccupazione. Si è chiesto al Sindaco di prendere provvedimenti, onde prevenire e soffocare il dilagare della delinquenza locale. ma la sua risposta è stata che considerava la nostra relazione verbale uno sfogo.
    E purtroppo sfogo non era, In quanto avevamo già subito episodi assai spiacevoli.
    Da anni abbiamo dovuto subire le malefatte di gang di delinquenti A tal proposito, per la nostra sicurezza abbiamo installato telecamere intorno all’abitazione. E per questo che la casa, che tra parentesi riveste anche un interesse storico, di fronte alla Villa, è stata imbrattata da qualcuno in segno di sfregio, subito dopo essere stata restaurata.
    Altro che fatti straordinari !!
    Si è parlato di ronde, ma non servono ronde nel paese. E’ necessaria solo una seria presa di coscienza dell’amministrazione comunale che il territorio va presidiato in modo capillare e costante.
    Nessun Consigliere, durante l’ultimo Consiglio comunale di Terrasini, ha denunciato quanto siano state deleterie alcune scelte dell’Amministrazione attuale: il proliferare delle sale di video giochi ad esempio, e per giunta ,con limiti molto ampi di chiusura. in questo tempo di crisi, molti pensano, così di sbarcare il lunario, dando fondo a quei pochi piccioli che gli sono rimasti. Infine sembra che tutta l’economia del paese si basi sui bar di Piazza Duomo. Ma una sana economia può reggersi sul chiasso e sui drink ?

    Il comune dovrebbe intraprendere quelle iniziative atte ad agevolare e favorire tutti coloro che vogliono aprire una sana attività commerciale. Invogliare, insomma, la gente a venire e comprare a Terrasini favorendo lo sviluppo di strutture outlet e offrire, magari un pacchetto tutto compreso, il pranzo nei ristoranti del posto e magari, durante la bella stagione, una gita in mare per ammirare le meraviglie del posto, con le barche dei pescatori !

    maurizio castellano

  2. Pingback: NEMO PROFETA IN PATRIA ...? - Terrasini Oggi

Comments are closed.

Leggi articolo precedente:
DIGITALE COPERTINA
LA PUBBLICA ISTRUZIONE ORMAI PUNTA SUL DIGITALE

Finalmente il MIUR (Ministero Università e Ricerca) si converte al digitale e sottoscrive con Telecom il protocollo "EDUCATI". di Massimo...

Chiudi